Home Televisione Myriam Catania, che gaffe al Gf Vip: c’entra una nota cantante

Myriam Catania, che gaffe al Gf Vip: c’entra una nota cantante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:31
CONDIVIDI

Myriam Catania è stata protagonista di una vera e propria gaffe all’interno della casa del GF. Ma che cosa è successo?

Myriam Catania

Il ‘Grande Fratello Vip‘ continua a far discutere per alcuni episodi che stanno avvenendo all’interno della Casa. Liti, addii e squalifiche stanno caratterizzando questa nuova edizione, iniziata da tre settimane. Non mancano però nemmeno i siparietti ironici, divertenti e le gaffe. Tra l’altro c’è un’importante novità. Infatti gli autori del reality show hanno permesso ai concorrenti di utilizzare Twitter per esprimere giudizi anonimi sui coinquilini.
Ed è a proprio a questo che è legato quanto accaduto. Ma chi è stata a commettere un errore?

LEGGI ANCHE -> Andrea Zelletta in lacrime: ecco cosa è successo al GF

‘Grande Fratello Vip’, ecco la gaffe di Myriam Catania: social scatenati

myriam catania

Myriam Catania è Courtney Love con il guardaroba di Anna Tatangelo”, questo è il cinguettio incriminato. L’attrice, commentando questo tweet con i suoi coinquilini, ha però fatto una vera e propria gaffe. “Ma chi è Anna Tatangelo? Mi sembra che sia una napoletana non estremamente elegante. Ora non mi ricordo bene, ma se dovesse essere così mi dispiacerebbe. Io sono una che tiene alla moda“. Insomma, Myriam ha ammesso di non conoscere la Tatangelo e soprattutto di pensare che il paragone sia legato al fatto che qualcuno la ritenga non troppo raffinata.

LEGGI ANCHE -> Anna Tatangelo ex fidanzata Gigi D’Alessio: nuovo amore alla finestra?

Dichiarazioni che hanno fatto letteralmente scatenare il mondo di Twitter. In molti si sono chiesti se davvero l’ex di Luca Argentero non conosca la Tatangelo. Insomma, una gaffe che non hanno certo lasciato indifferenti e che non è passata inosservata.m D’altronde questa pare essere una delle caratteristiche principale di questo ‘Grande Fratello Vip’: fa parlare costantemente e continuamente di sé. Ed è per questo che si potrebbe tranquillamente dire: bene o male, purché se ne parli.