Home Cinema Il film che uccide, muoiono in sei in maniera terribile: da brividi

Il film che uccide, muoiono in sei in maniera terribile: da brividi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:33
CONDIVIDI

Sono tante le storie di film che “uccidono” e che hanno visto il cast decimarsi durante le riprese. Certo alcuni parlano di coincidenze, ma non per tutti può essere così.

grave incidente inter
Ambulanza

Il film in questione è Poltergeist, di cui ieri parlavamo della bambina Heather O’Rourke. Questa è scomparsa in maniera abbastanza tragica quando aveva appena 12 anni a causa di preoccupanti problemi di salute, ma non è stata la sola a scomparire in maniera terribile. La storia che vi stiamo per raccontare infatti vi lascerà totalmente senza parole.

Poltergeist, il film che uccide

Poltergeist
Poltergeist

Poltergeist Presenze Demoniache è passato alla storia come il film che uccide, per i tanti morti arrivati durante le riprese e se si è parlato molto della piccola Carol Ann, così si chiamava nel film, andiamo a vedere cosa è accaduto agli altri. Il personaggio di Dana Freeling, interpretato da Dominique Dunne, compare solo nel primo capitolo. Nel 1982 infatti quella che era una ragazza di appena 22 venne strangolata dall’ex fidanzato che non accettava di essere stato lasciato.

Nel settembre del 1985 morì anche Julian Beck a 60 anni per un brutto tumore allo stomaco. Nel terzo film il personaggio di Henry Kane fu interpretato da Nathan Davis. Morto anche Will Sampson che si spense nel 1987 a soli 53 anni per insufficienza renale arrivata dopo il trapianto di cuore e polmoni. Nel 2004 morì anche il regista Brian Gibson che aveva diretto il secondo capitolo e che era stato colpito a 59 anni da un cancro. Lou Perry invece morì a 67 anni nel 2009 a 67 anni ucciso a colpi di ascia da un ex galeotto.

Maledizione o superstizione?

Difficile dare una risposta alla domanda con il pubblico che si è diviso. Quelli più legati a un mondo esoterico hanno pensato si trattasse proprio di una maledizione per gli argomenti delicati trattati. C’è però chi invece ha pensato che si trattasse solo di una coincidenza, amplificata dall’argomento su cui puntava la serie di pellicole. Ancora oggi, a decenni dall’uscita del primo capitolo, si continua a parlare di questo film e non solo per la sua perfezione stilistica.