Home Personaggi Daniela Spada moglie Cesare Bocci, un grande dramma per la donna

Daniela Spada moglie Cesare Bocci, un grande dramma per la donna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:15
CONDIVIDI

Daniela Spada è la moglie di Cesare Bocci. Il dramma vissuto dalla donna lascia senza alcun dubbio tutti senza parole. Ma che cosa le è successo?

Daniela Spada moglie Cesare Bocci

Oltre a ‘Domenica In’, questa domenica segna il ritorno su Rai Uno anche di ‘Da noi… A ruota libera‘. Alla conduzione sempre Francesca Fialdini, confermatissima dopo i grandi risultati dal punto di vista degli ascolti. Tra gli ospiti della prima attesissima puntata della format in onda su Rai Uno ci sarà il noto attore Cesare Bocci. Tra gli argomenti toccati con quest’ultimo non potrà non essere il dramma capitato a sua moglie Daniela Spada.

LEGGI ANCHE -> Cesare Bocci, ecco la sua grande sofferenza: che cosa gli è successo?

Daniela Spada moglie Cesare Bocci: il racconto che commuove tutti

Daniela Spada moglie cesare bocci

Tutto è legato alla nascita della loro figlia Mia. Un episodio drammatico che è stato raccontato anche in un libro. La donna ne ha parlato in molteplici interviste, tra cui una rilasciata ai microfoni di ‘Domenica In’: “La mattina dopo che siamo tornato dall’ospedale è successo tutto. Mentre allattavo, ho avuto un grandissimo mal di testa. Mia marito mi ha trovata sul letto incosciente e ha chiamato il 118. La bimba l’ho lasciata alla vicina e siamo corsi in ospedale”.

LEGGI ANCHE -> Cesare Bocci e Daniela Spada, ecco chi è loro figlia Mia

Ma ecco il dramma nel dramma. Infatti, una volta arrivati all’ospedale, i suoi sintomi sono stati scambiati per quelli di una crisi di nervi. L’ictus è stato diagnosticato soltanto due ore dopo. Un ritardo che poteva davvero costare molto caro: “Con l’ictus il tempo è fondamentale. Come mi sento ora? Essere disabile non è facile, ma provo a condurre una vita normale. Ci sono persone che stanno sulla sedia a rotelle, che hanno problemi enormi e che vanno aiutati, Ed è per questo che collaboro con associazioni per disabili“. Una storia davvero assurda.