Home Storie Malattia Lucio Battisti, come è morto il cantante?

Malattia Lucio Battisti, come è morto il cantante?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:38
CONDIVIDI

Che malattia ha avuto Lucio Battisti scomparso prematuramente nel 1998? Stasera uno speciale sulla Rai ci racconta molto del cantante.Valeria Grazia Veronese moglie Lucio Battisti

È fine agosto del 1998 quando si diffonde la notizia che l’artista è stato ricoverato. La famiglia blocca ogni diffusione di notizia e durante gli 11 giorni in cui è all’ospedale non escono bollettini medici. Mogol decide di inviare una lettera all’artista in clinica per dirgli le sue sensazioni. Il 6 settembre però si aggrava tutto e viene portato nel reparto di terapia intensiva dell’Ospedale San Paolo di Milano dove muore la mattina del 9 all’età di 55 anni.

Leggi anche —> Chi era sua moglie?

Malattia Lucio Battisti, le cause della morte

Lucio Battisti
Figlio Lucio Battisti

Le cause della morte e la malattia di Lucio Battisti non sono state comunicate ufficialmente, ma esce un bollettino per sottolineare: “il paziente, nonostante tutte le cure dei sanitari che lo hanno assistito, è deceduto per intervenute complicanze in un quadro clinico severo sin dall’esordio”. Si crea ovviamente sgomento tra tutti i grandissimi fan dell’artista che lo avevano accompagnato lungo una carriera straordinaria e piena di soddisfazioni, ma che sarebbe potuta essere ancor più lunga.

Leggi anche –> Chi è suo figlio?

Distrutta è la moglie Grazia Letizia Veronese e così suo figlio che devono affrontare i funerali tra il dolore di un lutto troppo difficile d’accettare. Questi si sono tenuti in maniera strettamente privata a Molteno, tanto che venne sottolineato che alla cerimonia c’erano appena venti persone. Tra questi non poteva mancare l’amico di una vita che lo aveva accompagnato lungo la sua carriera Mogol.

Le voci della morte

Sono numerose le voci sulla morte di Lucio Battisti anche se nessuna è stata confermata come ufficiale. Su Wikipedia, nella sua biografia, se ne sottolineano due. La prima è quella di un linfoma maligno in grado di colpirgli in maniera violenta il fegato. L’altra invece è quella di un glomerulonefrite. Di certo se la famiglia ha deciso di non andare a divulgare nulla su questa situazione rimane importante rispettare la privacy nella quale tutti si sono avvolti. Il dolore intanto non lo potrà cancellare nemmeno una motivazione precisa.