Home News Piero Angela, qual è il rapporto con sua moglie? La rivelazione

Piero Angela, qual è il rapporto con sua moglie? La rivelazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:01
CONDIVIDI

Piero Angela ha fatto una rivelazione riguardante la sua vita privata che nessuno molto probabilmente si sarebbe aspettato, Ma cosa ha detto?

Piero Angela
Piero Angela

Piero Angela è uno dei decani e delle figura storiche della nostra televisione. Celeberrimo il suo ‘Superquark’, programma che ha accompagnato migliaia di generazioni. Poco però si è sempre saputo sulla vita privata del conduttore, che è sempre stato molto riservato. Qualche aneddoto però è stato lui stesso a raccontarlo , a partire dal rapporto con sua moglie Margherita e anche con i suoi figli. Ma che cosa ha detto? Le sue parole  un po’ sorprendono.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Edoardo Angela figlio Piero Angela, chi è? Età, instagram

Piero Angela, la rivelazione su sua moglie: ecco che cosa ha detto

Il divulgatore scientifico si è confessato ai microfoni del noto settimanale ‘Oggi’, parlando un po’ della sua quotidianità Queste le sue parole: Mia moglie mi ha aiutato molto. È più di metà del mio successo. Ha rinunciato alla carriera e portato pazienza per le mie assenze. Mi ha seguito in tutte le mie peregrinazioni e soprattutto ha tirato su due figli magnifici“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Piero Angela, “Io resto a casa anche durante la fase 2”

Vere e proprie parole d’amore quelle del giornalista, che sembrano un po’ stonare con il suo personaggio, sempre molto riservato. Il buon Piero ha addirittura voluto raccontare un aneddoto sulla sua vita di coppia, ammettendo di non aver mai detto ti amo alla sua dolce metà: “Sono piemontese, anche se levigato e formato da tanti anni all’estero e a Roma. Nel nostro dialetto però non esiste il verbo “amare”, anche perché usiamo il più contegnoso vorej bin, ossia voler bene. E non esiste neppure la parola bacio. Noi diciamo basin, bacino. Se vale, se questo mi “salva”, le ho detto tante volte: T’veuj bin, ti voglio bene“. Insomma, un racconto davvero molto curioso.