Home Personaggi Jemma Powell moglie Jack Savoretti: ecco il loro segreto

Jemma Powell moglie Jack Savoretti: ecco il loro segreto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:00
CONDIVIDI

Jemma Powell è la moglie del cantante Jack Savoretti. Ma ecco come si sono conosciuti i due e il profondo legame che li unisce.

mogile Jack Savoretti

Il cantante Jack Savoretti sarà uno dei protagonisti della puntata di ‘Verissimo’, che andrà in onda questo pomeriggio su Canale 5. Ai microfoni della padrona di casa Silvia Toffanin, l’artista parlerà senza alcun dubbio della sua carriera, di come questa si è evoluta, ma anche della sua vita privata e sentimentale. Il riferimento è ovviamente al legame con sua moglie Jemma Powell, con cui ha una storia da ben 12 anni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Elisa Toffoli ricorda nonna Irene: l’aneddoto è commovente

Jemma Powell moglie Jack Savoretti: la dichiarazione del cantante

Il cantautore ha più volte parlato della loro relazione, di come nata e si è sviluppata: “Noi eravamo stati insieme, ma poi ci siamo lasciati. In quel momento ho scoperto che non riuscivo a vedere il futuro senza di lei. E allora le ho dato appuntamento a un museo. Io ho comprato un anello, ma dopo due ore di discussioni, ce ne siamo andato via camminando. Dopo un po’ lei ha preso la scatola, l’ha aperta e ha detto sì. Insomma, è stato meglio di un film”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Emma Marrone, un passato difficile: il retroscena che nessuno sapeva

Jack Savoretti ha anche una figlia e ha descritto come vive il suo essere padre, sottolineando che la bimba è orgogliosa di lui e del mestiere che fa. Il cantante però, quando era piccolo aveva ben altri sogni e ambizioni: “Volevo fare il calciatore, perché il mio idolo era Totò Schillaci. I miei genitori? Mi hanno insegnato a fallire, ma soprattutto mi hanno lasciato fallire.  Quando a 17 anni ho detto a mio padre che volevo fare il cantautore, lui mi ha guardato negli occhi e mi ha augurato buona fortuna. Il mio consiglio ai miei figli è quello di fallire il prima possibile, perché così si trova presto la propria strada“.