Home Televisione Alberto Angela ha rischiato di morire, la rivelazione è incredibile

Alberto Angela ha rischiato di morire, la rivelazione è incredibile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:49
CONDIVIDI

Alberto Angela ha sconvolto i suoi fan rivelando di aver rischiato di morire, un terribile episodio legato al suo passato che nessuno conosceva.

Albero Angela ha rischiato di morire

Il figlio di Piero Angela, il noto divulgatore scientifico, ha sconvolto tutti con un terribile episodio legato al suo passato. In occasione del suo compleanno Alberto Angela ha voluto condividere con i suoi fan: “Ho rischiato di morire.”

Alberto Angela è uno degli uomini più amati della televisione italiana, i suoi programmi di divulgazione sono sempre molto seguiti.

Alberto Angela ha rischiato di morire

alberto angela
alberto angela

Alberto Angela ha rivelato di aver rischiato di morire, lo stimato professionista ha raccontano di aver passato 15 ore terribili che lo hanno segnato profondamente: ma cosa è successo?

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE->ALBERTO ANGELA, LITE FURIBONDA: COSI NON L’HAI MAI VISTO

“Sono state 15 ore terribili, da condannati a morte” ha rivelato Alberto Angela, aggiungendo poi: ” Siamo stati tutti percossi, minacciati e poi derubati di tutto: attrezzature, soldi, fedi nuziali, orologi, cellulari, bagagli.”

Con la quarantena dovuta al Coronavirus Alberto Angela ha avuto modo di rivangare il passato e ha deciso di condividere con i suoi fan un ricordo terribile.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE->EDOARDO ANGELA FIGLIO ALBERTO ANGELA: HA CONQUISTATO TUTTI

Il ricordo terribile

Nel corso di un viaggio Alberto Angela ha rischiato la sua vita, si trovava su un percorso sicuro tra la Nigeria e l’Algeria quando ha subito una terribile aggressione: “Si è materializzato un veicolo velocissimo da cui sono scesi tre individui, con turbante e occhiali da sole, kalashnikov e pistola alla mano intimandoci di arrestarci.”

Sono seguite 15 ore di terrore, l’imboscata subita da Alberto Angela è infatti proseguita tra calci nel costato e pugni alla tempia come rivelato dal divulgatore scientifico: “Interrogatori, urla e violenze psicologiche, uno alla volta, senza capire cosa volessero.”

Il terribile racconto è poi proseguito: “Prima ci chiedevano hashish, poi alcol, soldi, se fossimo spie. Giocavano con noi terrorizzandoci.” Gli uomini con il volto mascherato hanno tenuto in ostaggio Alberto Angela e i suoi accompagnatori per quasi una notte, terrorizzandoli fino allo sfinimento. Prima di lasciarli andare hanno privato tutti dei loro averi, lasciando solo il terribile ricordo di quanto avvenuto.