Home Televisione Giornalista scoppia a piangere in diretta, il motivo è travolgente

Giornalista scoppia a piangere in diretta, il motivo è travolgente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:06
CONDIVIDI

Una giornalista della Rai è scoppiata a piangere durante la diretta del telegiornale regionale della Basilicata. Le immagini hanno fatto subito il giro del web.

Spesso visti come sciacalli e persone senza cuore i giornalisti devono ringraziare Maria Vittoria Morano, del Tg regionale della Basilicata, per aver dimostrato come in realtà sono uomini. Dunque persone con un cuore che provano emozioni e riescono anche a capire che certi momenti sono di un’intensità impossibile da non considerare. La donna è scoppiata a piangere durante il racconto della storia della morte del piccolo Diego bambino di 3 anni che è morto a Matera. Il cordoglio arriva in un momento delicato, ma anche non fossimo in piena emergenza Coronavirus la notizia assumerebbe dei connotati altrettanto tragici e dolorosi.

Leggi anche —-> Alfonso Signorini piange in diretta

Giornalista scoppia a piangere in diretta, la storia di Diego

La giornalista scoppia a piangere in diretta mentre racconta la storia di Diego, una notizia che è arrivata e ha travolto tutta l’Italia. La nota di cordoglio letta da Maria Vittoria Morano era del presidente della regione Basilicata Vito Bardi che esprimeva il suo dolore alla famiglia del piccolo. Mentre giocava con i cani nella tenuta di famiglia il bambino è scappato alle cure dei genitori per poi essere ritrovato senza vita.

Leggi anche —-> Emma Marrone piange in diretta

Il suo corpo esamine è stato rinvenuto alla foce del fiume Brandano a Metaponto, precisamente a Bernalda in provincia di Matera. Una storia tragica che non è passata inosservata al pubblico che ha voluto raccontare la grande emozione della donna. Sicuramente ci troviamo di fronte a una notizia scioccante in un periodo che lo è altrettanto per il nostro paese. Riposa in pace piccolo Diego che hai perso la vita in una maniera atroce e che era impossibile immaginare.