Home News Coronavirus, Chiara Ferragni e Fedez: così sono stati spesi i soldi raccolti

Coronavirus, Chiara Ferragni e Fedez: così sono stati spesi i soldi raccolti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:10
CONDIVIDI

Chiara Ferragni e Fedez hanno indetto una raccolta fondi per aiutare l’Ospedale di Milano, ecco svelato come sono stati usati i soldi per l’emergenza Coronavirus.

Coronavirus, Chira Ferragni e Fedez: così sono stati spesi i soldi raccolti

La raccolta fondi di Chiara Ferragni e Fedez non ha avuto precedenti, la coppia è riuscita a mettere insieme la cifra monster di 3,8 milioni di euro.

Le donazioni sono arrivate da ogni parte del mondo e i Ferragnez non potrebbero esserne più fieri e felici. La raccolta ha creato anche qualche polemica, come quella di Heater Parisi ma a tacere ogni dubbio ci pensa l’Ospedale San Raffaele di Milano.

Coronavirus, Chira Ferragni e Fedez

Chiara Ferragni e Fedez rifiutati in pizzeria: il rapper replica così

L’ospedale San Raffaele ha deciso di dedicare un post su Facebook a Chiara Ferragni e Fedez per ringraziarli per la raccolta di beneficenza indetta per l’emergenza da Coronavirus.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE-> HEATHER PARISI POLEMIZZA SUI FERRAGNEZ: FEDEZ LA ASFALTA

Pochi giorni fa Chiara Ferragni e Fedez hanno indetto una raccolta fondi che ha raggiunto la cifra record di 3,8 milioni di euro, devoluti in favore della sanità italiana per rispondere all’emergenza da Covid-19.

L’Italia intera, da Nord a Sud, è messa in ginocchio a causa del virus e per questo motivo i Ferragnez hanno indetto la raccolta, donando per primi ben 100mila euro.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE->CORONAVIRUS, CHIARA FERRAGNI ACCORATO APPELLO: “NON FATE IL NSOTRO ERRORE”

Così sono stati spesi i soldi raccolti

La raccolta fondi dei Ferragnez ha coinvolto ben 191 mila persone e l’Ospedale San Raffaele di Milano ha voluto rendere noto come sono già stati usati i soldi raccolti.

“Sono partititi i lavori per una nuova terapia intensiva all’Ospedale San Raffaele” scrivono sul profilo Facebook aggiungendo poi: “Presto avremo una nuova terapia intensiva per poter assistere i pazienti più fragili, quelli che hanno come unica opportunità di cura la terapia intensiva.”

L’unità operativa di Anestesia e Rianimazione Gerale e Cardio – Toraco – Vascolare, nella persona del primario Alberto Zangrillo ha voluto ringraziare quanti hanno donato a favore dell’Ospedale: “i stiamo impegnando con tutte le nostre energie e sapere che tante persone ci supportano ci aiuta a procedere nei nostri sforzi.”