Home Personaggi Enrico Vanzina, il nuovo libro è un inno alla vita: Mio fratello...

Enrico Vanzina, il nuovo libro è un inno alla vita: Mio fratello Carlo

Enrico Vanzina, già autore di precedenti romanzi, ha pubblicato il suo nuovo libro, dedicato al fratello Carlo, venuto a mancare lo scorso anno.

enrico vanzina

Enrico Vanzina vanta un’esperienza pluri quarantennale nel mondo del grande e piccolo schermo, che lo ha portato a collaborare con grandissimi nomi del nostro panorama cinematografico e televisivo. Ha vinto molti premi e riconoscimenti, ha conquistato la stima e l’affetto del pubblico e ha anche portato a casa grandi risultati in termini di “botteghino”.

Il suo nome è indelebilmente legato a quello del fratello Carlo, venuto a mancare lo scorso anno, con cui ha firmato molti dei suoi più grandi successi (Sapore di mare, Eccezzziunale veramente, Vacanze in America, Il cielo in una stanza, solo per fare pochissimi celebri esempi).

Ma oltre all’attività nel mondo del cinema, Enrico porta avanti con successo anche un’attività editoriale, come scrittore e giornalista.

Leggi anche –> Quante Storie, i Vanzina: l’epoca d’oro di Enrico e Carlo

Enrico Vanzina: Mio fratello Carlo

Enrico Vanzina ha collaborato per sette anni al Corriere della Sera, dal 1998 cura una rubrica settimanale di costume per Il Messaggero e nel 2015 ha vinto anche il prestigioso Premio Agnes per il giornalismo.

In passato ha pubblicato già diversi romanzi: Colazione da Bulgari (Salerno Editrice), La vita è buffa (Gremese), Le finte bionde, Una famiglia italiana (Mondadori), La donna dagli occhi d’oro (Newton Compton).

Questi sono solo alcuni dei titoli, a cui si è appena aggiunto Mio fratello Carlo, edito da Harper Collins ed uscito il 9 settembre nelle librerie. Non è solo la storia del lutto personale di un uomo, ma è anche una riflessione più generale e profonda sul senso della vita, sul legame fraterno.

Enrico Vanzina in Mio fratello Carlo ripercorre la storia del loro rapporto profondissimo, fino alla scoperta della malattia di Carlo, che nel giro di un anno lo ha portato alla morte.