Home Televisione Sabrina Guzzanti e “La Trattativa” tra Stato e Mafia

Sabrina Guzzanti e “La Trattativa” tra Stato e Mafia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:27

I rapporti tra Stato e mafia raccontanti da Sabrina Guzzanti su Rai 2 ne “La Trattativa”, la serata evento con Andrea Montanari.

Sabrina Guzzanti La Trattativa

Questa sera su Rai 2 una serata evento per introdurre “La Trattativa” il film di Sabrina Guzzanti sui rapporti tra Stato e mafia.

La serata verrà condotta e moderata da Andrea Montanari a partire dalle 21.20, interverranno diversi giornalisti, tra cui: Giovanni Bianconi, Giuseppe Sottile, Maurizio Gasparri e Marco Travaglio.

Il Docu-film

La Trattativa è il film documentario di Sabrina Guzzanti, il suo punto di forza è stato quello di mescolare alla perfezione recitazione, documenti di repertorio e interviste.

La sfida? Ricostruire la negoziazione e gli intrecci tra Stato e mafia nell’Italia degli anni Novanta. Il film raccoglie le file di un Paese che si sveglia all’indomani di una lunga e terribile schiera di attentati, culminata con la morte di Paolo Borsellino e Giovanni Falcone.

Il docu-film trova il suo sviluppo nell’arco di venti anni, fino al maxi processo alla mafia.

Sabrina Guzzanti oltre che della sceneggiatura e della regia si è occupata anche della produzione del docu-film, presentato per la prima volta alla Mostra del cinema di Venezia 2014.

Sabrina Guzzanti espulsa dalla Rai

Rai 2 riapre le porta a Sabrina Guzzanti, grande assente da casa Rai da diverso tempo ormai.

L’evento che più di ogni altro ha segnato la Seconda Repubblica, la trattativa Stato-Mafia, raccontato con dovizia di particolare da La Trattiva il docufilm della Guzzanti.

La sceneggiatrice durante un’intervista al Corriere della Sera ha lamentato il ritardo con il quale la Rai ha aperto le porte al suo lavoro, dopo che l’ex dirigente Mario Orfeo lo definì “Brutto e vecchio”.

Seondo la donna “Tenere la politica fuori dalla Rai era uno degli slogan dei 5 Stelle come lo è stato di Renzi, poi però i partiti hanno tutti troppa paura della libertà perché temono che gli vada contro.”