Home News Whatsapp attaccato dagli hacker: aggiornare il sistema per difendersi

Whatsapp attaccato dagli hacker: aggiornare il sistema per difendersi

Whatsapp è stato sotto attacco di alcuni hacker che hanno violato il sistema che è andato in down ed hanno richiesto pagamenti agli utenti. Come difendersi?

whatsapp attacco hacker

Dopo il recente down del sistema, Whatsapp è stato soggetto a molti attacchi da parte di hacker che ne hanno minato il sistema. Ma non finisce qui: a moltissimi utenti, infatti, è arrivato uno strano messaggio in cui gli veniva comunicato una sorta di sollecito di pagamento.

Whatsapp down: attacco hacker, come difendersi?

Da qualche tempo, complice l’aumentare della concorrenza, la compagnia ha deciso di rendere totalmente gratuito l’utilizzo di Whatsapp. Per questo motivo, qualora abbiate ricevuto questo messaggio, il miglior modo per proteggersi è quello di ignorarlo totalmente.

Per risolvere questo problema, gli sviluppatori, una volta capito che Whatsapp non funziona, hanno deciso di rilasciare un nuovo aggiornamento in modo tale da proteggere non solo il sistema, ma anche e soprattutto tutti i milioni di utenti che hanno scaricato l’applicazione ed i loro dati personali.

Non è la prima volta che il sistema è andato in down: nel corso degli anni, infatti, ce ne sono stati tantissimi ma quello degli ultimi tempi è stato davvero importante in quanto ha colpito tutti i siti ed applicazioni di proprietà di Mark Zuckenberg: Facebook, Instagram ed appunto il più famoso sistema di messaggistica al mondo.

Questo down del sistema ha creato non pochi problemi a tutti gli utenti che per qualche ora non hanno potuto connettersi sui social o semplicemente parlare con gli amici. Alla fine, come sempre, l’unico modo per far sì che le cose tornassero al proprio posto è stato quello di aspettare.

In poche ore, infatti, i sistemisti hanno riaggiustato tutto quanto, ma di certo il problema dell’informatica è molto attuale e gli utenti cercano sempre alcuni modi per proteggersi dagli attacchi hacker o dalle richieste di pagamento dell’applicazione.