Home News Joe Bastianich, pioggia di critiche su Instagram: il piccione nel piatto non...

Joe Bastianich, pioggia di critiche su Instagram: il piccione nel piatto non piace ai suoi seguaci

Joe Bastianich, pioggia di critiche su Instagram

Joe Bastianich, pioggia di critiche su Instagram: il piccione nel piatto non piace ai suoi seguaci

Jo Bastianich è stato travolto da una pioggia di critiche sui social, il motivo? La foto di un piatto assaggiato dallo storico giudice di Masterchef. Un piccione decisamente al sangue, considerato da molti un contenuto splatter, non adatto al social.

In molti hanno criticato la scelta dell’imprenditore nel settore dell’alimentazione, accusandolo anche di poca coerenza. “A Masterchef pretendete sempre un impiattamento impeccabile, questo è veramente di cattivo gusto. Se lo avesse gatto un tuo concorrente, avresti lanciato via il piatto dicendo che il tuo cane avrebbe saputo fare di meglio” lo accusa una ragazza.

Sotto la foto c’è poi chi riesce a fare dell’ironia, un follower ad esempio scrivo: “Joe, sei sempre un passa avanti. Un cadavere per decorazione non lo avevo mai visto”. 

View this post on Instagram

Squab me baby @chispacca #meat now you pick the red wine!

A post shared by Joe Bastianich (@jbastianich) on

Bastianich ha assaggiato la particolare pietanza presso Chispacca, una steakhous di Los Angeles.

Dopo lo scandalo

Non è di certo pun periodo tranquillo per Joe, recentemente ha intorrotto ogni accordo di compartecipazione con Mario Batali. Una partenership ventennale la loro che ha subito un duro scossone lo scorso anno, quando Batali si è trovato al centro di un grande scandalo sessuale. Diverse donne infatti hanno accusato di molesti sessuali l’uomo e per lui è iniziata una lenta parabola discendente.

Tra le proprietà più proficue del loro impero economico c’è Il Babbo, un ristorante stellato Michelin situato nel Greenwich di New York. Stando al comunicato di Batali, non avrà più quote nei ristoranti costruiti insieme all’amico Joe. Se dal punto di vista economico le accuse di molestia sessuale continuano a far sentire il loro peso, da quello legale non hanno visto ancora l’aula del tribunale e lo chef italo-americano gode quindi della piena libertà.