Home Stasera in TV Marco Pantani Le Iene Show: Film, video, biografia e altro ancora

Marco Pantani Le Iene Show: Film, video, biografia e altro ancora

CONDIVIDI
Marco Pantani Le Iene Show: Film, video, biografia e altro ancora

Marco Pantani domani, 13 gennaio 2019, avrebbe compiuto 49 anni. Le Iene Show tornano a mettere in dubbio i controlli antidoping fatti al Giro D’Italia del 1999 e avanzano l’ipotesi che uno dei più grandi campioni del ciclismo sia stato assassinato.

Marco Pantani Le Iene Show: Film, video, biografia e altro ancora

La vita di Marco Pantani è terminata tragicamente 15 anni fa, il 14 febbraio 2019. Quando il suo corpo è stato ritrovato privo di vita in un residence di Rimini. Stroncato da un’overdose di cocaina, versione che non ha mai del tutto convinto le persone vicine a Marco. Aveva 34 anni e cercava ancora di ripulirsi dalla macchia del doping che ha segnato terribilmente la sua carriera dal 1999.

Il ciclista dall’incredibile talento stava vincendo il secondo Giro d’italia quando venne squalificato perché risultato positivo al doping. Nell’inchiesta de Le Iene Show, ad opera di Alessandro De Giuseppe, la storia che viene fuori è tutt’altra: dai servizi emerge che il ciclista sia stato incastrando. Già Pantani all’epoca dei fatti aveva gridato al complotto prima di piombare in una spirale che vorticosamente lo portò alla depressione e poi alla morte.

Il caso Pantani

In uscita nelle sale il film che racconta gli ultimi drammatici giorni di Marco Pantani. La storia del Pirata verrà raccontata dal regista Domenico Ciolfi. Il caso Pantani nasce nell’ambito di un progetto di Mr. Arkadin Film con il contributo dell’Emilia Romagna Film Commission. Ciolfi ha così dichiarato: “La storia di Marco è perfetta per un film, è una storia italiana che nella sua drammaticità è ideale per il cinema. –continua poi il regista- Un film da vedere in sala, che racconta di un campione come non ne fanno più, della sua caduta e dei suoi tentativi di rimettersi in piedi”. Il regista paragona il suo lavoro a quello ad opera di Netflix su Stefano Cucchi. La pellicola ha come obiettivo non quello di dispensare verità, ma avanzare dubbi. Dubbi leciti, aggiunge il regista, se si leggono le incongruenze degli atti processuali.