Home News 18enne muore a Parigi, Pomeriggio 5: parla Nonno Enzo

18enne muore a Parigi, Pomeriggio 5: parla Nonno Enzo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:31

Ecco le parole del nonno a Pomeriggio 5: “Non c’era motivo per il suicidio. Non ci credo e non ci crede nessuno di quelli che lo conoscevano. Aveva appena preso la patente della macchina, era molto felice. Non so niente della vincita, non c’è niente di sicuro. Non so darmi pace per capire cosa sia successo. Voglio fare un appello. Se qualcuno sa qualcosa, l’ha visto ultimamente che si rivolga alla redazione o agli inquirenti. Vogliamo sapere qualcosa in più”. Il nonno è decisamente commosso in diretta su Canale 5.

18enne muore a Parigi, Pomeriggio 5: parla Nonno Enzo
18enne muore a Parigi, Pomeriggio 5: parla Nonno Enzo

Alessio è un 18enne morto a Parigi, ritrovato sotto a una gru. Se ne parlerà a Pomeriggio 5. Nonno Enzo, che ha ricevuto il suo ultimo messaggio, è collegato in onda per parlare di quanto accaduto. Si dice che il ragazzo avesse vinto dei soldi al casinò e potrebbe essere questo il motivo dell’eventuale aggressione. Difficile pensare a un suicidio.

La storia ha sconvolto il pubblico e non ci sono risposte per quanto accaduto. Non aveva i genitori, era cresciuto con suo nonno Alessio Vinci di Ventimiglia. La professoressa ha spiegato: “Avevamo bisogno della tua anima bella, adesso sei con la mamma”. Sicuramente è una notizia tragica di cui avremo aggiornamenti con le parole del nonno.

18enne muore a Parigi, Pomeriggio 5: parla Nonno Enzo

Questa la dichiarazione completa della sua professoressa su Facebook: “Alessio, sono davvero profondamente addolorata. Ti ricordo dalle medie. un ragazzo ed un allievo modello, studioso, intelligente, educato, umile, delicato e sensibile, buono e rispettoso con tutti. Quanto ti piaceva lo sport e riuscivi bene in tutte le discipline! Voglio ricordarti felice quando giocavi con i tuoi compagni. Ti mancava tanto la tua mamma, soffrivi in silenzio ma i tuoi begli occhi parlavano. Ho cercato di volerti bene come tutti i miei colleghi, le bidelle e tutti i tuoi compagni. Credimi, era davvero facile volerti bene. Ero contenta di averti ritrovato su facebook dopo 5 anni e mai più avrei potuto immaginare di ritrovarmi qui a darti l’ultimo saluto, è terribile e doloroso. Alessio, sei e rimarrai sempre nei nostri cuori la persona meravigliosa che sei stata. Grazie per averci regalato la tua splendida anima seppure per un breve tempo. Che tu possa trovare serenità tra le braccia della tua cara mamma. Ti abbraccio forte forte, continua a volerci bene, supporta il tuo caro e adorabile nonno da lontano. Noi tutti abbiamo bisogno di belle anime come te. Ti voglio bene”.