Home Televisione Vite al Limite, il Dottor Now svela tutto: ecco come è nato...

Vite al Limite, il Dottor Now svela tutto: ecco come è nato lo show

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:40

Sapete com’è nato il noto programma Vite al Limite in onda su Real Time? Ecco il retroscena raccontato dal celebre Dr. Nowzaradan

Vite al Limite
Fonte foto: Instagram

Vite al Limite è il noto programma americano, in onda su Real Time, che riprende l’esperienza di persone patologicamente obese nel loro percorso di dimagrimento: un tentativo di riprendere in mano la propria vita, minacciata dai problemi che l’obesità grave consegue.

Una vera e propria esperienza trasformativa che ha cambiato la vita di tantissime persone in meglio. I pazienti – che iniziano il programma spesso e volentieri con un peso intorno ai 300 kg – sono seguiti dal leggendario Dr Younan Nowzaradan che tendenzialmente effettua un’operazione di bypass gastrico, dopo una certa perdita di peso.

Abbiamo visto come molte delle persone che si sono rivolte al programma hanno vissuto un passato traumatico e segnante. Oggi scopriamo insieme in che modo è nata la celebre trasmissione attraverso le parole del chirurgo iraniano.

Vite al Limite, com’è nata la serie? Il retroscena sul programma

Il reality show è stato presentato in anteprima su TLC per la prima volta nel febbraio del 2012. Dal momento che il chirurgo aveva già operato molte persone con un peso al limite come quello dei pazienti del programma, sperava che lo spettacolo sarebbe servito anche agli spettatori e ai suoi colleghi.

Il reale motivo per cui ha voluto iniziare la serie è proprio questo: fornire e garantire a tutti delle istruzioni. Anche per fare impressione sulla comunità medica. Insomma, l’obiettivo principale era quello di essere da ispirazione per tutti coloro che avevano bisogno di cambiare vita, ma anche per i medici che dovevano prendersi cura delle persone patologicamente obese.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Dottor Nowzaradan, pazienti gli fanno causa: problemi per Vite Al Limite

Il Dr. Now è convinto che la situazione dei suoi pazienti non sia una loro scelta. Essa è dovuta ad una predisposizione metabolica e genetica. Dunque, una malattia che va al di là del loro controllo e della loro volontà. Il programma fino ad oggi è stato un vero e proprio successo e certamente avrà ispirato molte persone a cambiare vita in meglio.