Home Cinema Lutto nel cinema: morto lo sceneggiatore Premio Oscar Jean-Claude Carrière

Lutto nel cinema: morto lo sceneggiatore Premio Oscar Jean-Claude Carrière

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:05
CONDIVIDI

Lutto tremendo nel mondo del cinema: è morto il famosissimo sceneggiatore Jean-Claude Carrière, l’ultimo saluto da parte dei suoi fan.

Jean-Claude Carrière
Jean-Claude Carrière (Getty Images)

Tremendo lutto nel mondo del cinema quest’oggi: purtroppo è notizia di poco fa il fatto che sia venuto a mancare Jean-Claude Carrière, noto per essere stato, tra i tantissimi film di successo che ha fatto, lo sceneggiatore di un vero e proprio capolavoro che ha fatto la storia del cinema come “Bella di giorno.”

Carrière è stato uno dei più grandi del suo tempo dal momento che, come sappiamo, ha avuto l’opportunità di collaborare con i più grandi registi dei suoi anni come ad esempio Bunuel, Godard e Peter Brook.

Indimenticabili alcuni adattamenti per il mondo del cinema come ad esempio “L’insostenibile leggerezza dell’essere”, oppure “Diario di una cameriera” e tanti altri che hanno ottenuto davvero tantissimo successo e soprattutto apprezzamento da parte degli addetti ai lavori e critici.

L’uomo, che si è spento all’età di 89 anni, è venuto a mancare esalando il suo ultimo respiro a Parigi, nella città dell’arte per eccellenza. Stando a quanto riporta Il Corriere, infatti, sembrerebbe che l’uomo non soffrisse di nessuna patologia in particolare: sarebbe, infatti, venuto a mancare nel sonno, molto semplicemente ed in tutta tranquillità.

LEGGI ANCHE >>> Compagno Marina Suma, un dramma vissuto: “Ho fatto davvero di tutto”

Lutto nel cinema: morto Jean-Claude Carrière

Jean-Claude Carrière
Jean-Claude Carrière (Getty Images)

Un vero e proprio lutto per tutti i fan ed amanti del cinema che hanno sempre visto in lui un vero e proprio riferimento di quella che viene da sempre definita la “settima arte” ed effettivamente così è. 

Cresciuto in una piccola cittadina francese, la piccola Colombières-sur-Orb, i suoi genitori erano dei piccoli viticoltori ma la sua grande passione lo ha portato a studiare letteratura ed a pubblicare a soli 26 anni il suo primo libro, un romanzo da titolo “Lèzard”.

LEGGI ANCHE >>> Benedetta Parodi e Cristina Parodi avevano litigato? “Sorelle nella bufera”

Da qui una lunga serie di successi soprattutto nel campo degli adattamenti cinematografici di cui sopra, ma ce ne sono stati davvero tanti altri: il suo è stato un surrealismo che, a differenza di tanti altri, non è mai stato fine a sé stesso ma nascondeva sempre un messaggio davvero molto radicato nel suo presente.