Home Personaggi Francesco Pannofino confessa: “Davvero molto difficile”

Francesco Pannofino confessa: “Davvero molto difficile”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:00
CONDIVIDI

Francesco Pannofino ha fatto una confessione che ha senza alcun dubbio incuriosito tutti i suoi fan. Ma ecco di che cosa si tratta.

francesco pannofino

Francesco Pannofino oggi sarà uno dei protagonisti di ‘Affari Tuoi – Viva gli sposi’. Il format del sabato sera di Rai Uno, condotto da Carlo Conti, ruota attorno al percorso di due sposini in pectore, i quali sono accompagnati da 10 pacchisti vip. Ed ecco che oggi a spiccare è la figura di uno degli attori maggiormente amati, stimati e conosciuti. E su di lui di cose da dire ce ne sono davvero tante. Giusto analizzarne una in particolare.

LEGGI ANCHE >>> La Partita, la recensione del film con Francesco Pannofino

Francesco Pannofino, una confessione che piace ai suoi fan

francesco pannofino

Nessun riferimento questa volta alla sua vita privata e sentimentale. Il pensiero va alla sua professione, ma non a quella di attore. Il 62enne infatti è anche un doppiatore. Si può tranquillamente dire che nella sua carriera ha avuto centinaia di volti: George Clooney, Denzel Washington, Kurt Russell, Philip Seymour Hoffman, Daniel Day-Lewis, Antonio Banderas e davvero tanti altri. Ma qual è stato il doppiaggio più difficile e complicato? A rivelarlo è stato lui stesso.

LEGGI ANCHE >>> Andrea figlio Francesco Pannofino, un momento molto difficile

Forrest Gump’ è stato parecchio complicato, devo ammetterlo. Prima di tutto perché non avevo l’esperienza che ho adesso, ma soprattutto perché quel personaggio nella versione originale aveva due peculiarità forti: parlava con un handicap fisico e contemporaneamente con l’accento dell’Alabama. Quindi è davvero difficile riportarlo in italiano. Non puoi certo scegliere un dialetto. Mica Forrest Gump può parlare in genovese“, queste le sue parole, riportata da ‘Everyeye’. Insomma, è stato uno dei film più conosciuti uno degli ostacoli maggiormente complicati da superare, anche per un grande attore e doppiatore come lui. Ma quel ruolo gli ha dato molto probabilmente quella spinta necessaria.