Home Musica Romina Power, un Natale di sofferenza: non è il momento di festeggiare

Romina Power, un Natale di sofferenza: non è il momento di festeggiare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:44
CONDIVIDI

E’ un Natale sicuramente diverso quello di Romina Power: ecco il messaggio della cantante, non è il momento di festeggiare.

Romina Power
Romina Power

E’ un Natale davvero molto particolare quello che sta vivendo Romina Power, come del resto tutti gli alti italiani. In molti si chiedono che cosa stia succedendo e la risposta la da’ la cantante che ha pensato, come spesso accade, alle persone che in questo momento stanno soffrendo davvero tantissimo dall’altra parte del mondo.

Il suo pensiero va lì e non c’è niente che possa staccare la sua mente da questo fatto: ecco il post su Instagram che ha avuto modo di sensibilizzare i suoi fan e follower riguardo ad una tematica che le sta molto a cuore. Ecco di che cosa si tratta, il post è subito diventato virale ed ha raccolto moltissimi consensi.

LEGGI ANCHE -> Romina Power, un regalo speciale per Natale: è commossa

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Romina Power (@rominaspower)

Romina Power, un Natale diverso: cosa succede mentre noi festeggiamo?

Romina Power, non può smettere di pensarci: ricordo doloroso

Romina Power ha pubblicato questo toccante e commovente post che arriva dritto allo stomaco: mentre, infatti, noi festeggiamo queste strane festività di Natale, ci sono tante persone che continuano ad essere perseguitate.

Alle frontiere con il Messico, infatti, continuano i trattamenti disumani contro le popolazioni che abitano lì e che vogliono attraversare questo confine che ha creato parecchi dissapori negli ultimi anni al di là dell’Oceano.

LEGGI ANCHE -> Elisabetta Gregoraci, torna insieme a Flavio Briatore? Spunta l’indizio

Il messaggio dall’ex moglie di Albano è molto chiaro: in questo periodo di feste, il pensiero deve necessariamente anche andare a queste persone che stanno soffrendo moltissimo e che purtroppo non possono difendersi.

Insomma, sono giornate diverse e che purtroppo non possono non far pensare che queste pratiche, come ci ricorda Amnesty International, debbano finire e che questi comportamenti davvero molto gravi devono necessariamente essere condannati.