Home Storie Roberto Benigni, la morte e quella doppia visita: un vero lutto

Roberto Benigni, la morte e quella doppia visita: un vero lutto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:02
CONDIVIDI

Roberto Benigni è un grandissimo artista italiano, che purtroppo ha anche un trascorso tragico alle spalle con una storia fatta di dolore e sofferenza.

Roberto Benigni
Roberto Benigni (Fonte: Getty Images)

Stasera l’attore italiano torna da protagonista e regista nel film Pinocchio a partire dalle 21.20 su Rete 4. Lo stesso Benigni è l’unico attore della storia ad aver recitato prima nei panni di Pinocchio nel suo film e molti anni dopo in quelli di Geppetto per la regia di Matteo Garrone. Sicuramente la sua carriera è stata straordinaria anche se non è riuscito a trattenere a volte le emozioni e anche se in passato tanti lutti l’hanno colpito lasciandolo di sasso. Soprattutto nel 2004 quando la morte gli fece visita due volte.

Leggi anche —> Roberto Benigni perde la testa e…

Roberto Benigni, il rapporto con la morte

Roberto Benigni e Nicoletta Braschi
Roberto Benigni e Nicoletta Braschi (Fonte: Getty Images)

Il rapporto con la morte di Roberto Benigni è sicuramente molto particolare. Sono diversi i grandi artisti con i quali aveva collaborato che se ne sono andati. Tra questi troviamo Massimo Troisi scomparso a metà degli anni novanta per problemi di cuore e con il quale aveva lavorato in Non ci resta che piangere. Fino ai grandissimi Federico Fellini e Paolo Villaggio con i quali aveva lavorato ne La voce della luna.

Leggi anche —> Grande dolore per Benigni

Il 2004 è stato uno degli anni più difficili della sua vita, perché la morte è andato due volte a colpirlo. Sono infatti morti suo padre Luigi Benigni e sua madre Isolina Papini. Entrambi avevano 75 anni in quanto erano nati nel 1919 ed entrambi erano di origini estremamente umili, contadini con grande voglia di lavorare per portare avanti una famiglia molto numerosa. Benigni infatti ha ben tre sorelle più grandi di lui e cioè Bruna, Albertina e Anna. Nonostante queste tragedie Roberto non ha mai smesso di sorridere e di far sorridere, dimostrandosi uomo di grandissimo spessore e con un carattere clamorosamente istrionico.