Home Televisione Marina La Rosa, che fine ha fatto oggi? Il racconto terribile sulla...

Marina La Rosa, che fine ha fatto oggi? Il racconto terribile sulla sua vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:39
CONDIVIDI

Marina La Rosa, che fine ha fatto? Oggi è stata ospite a Domenica Live, dove ha raccontato un evento davvero traumatico del suo passato.

Marina La Rosa oggi
Marina La Rosa

Marina La Rosa, che fine ha fatto oggi? L’ex gieffina è stata ospite a Domenica Live, dove ha voluto raccontare un evento davvero importante e traumatico che ha caratterizzato il suo passato.

La donna è sparita dalle scene per qualche anno dopo aver inizialmente intrapreso una carriera nel mondo dello spettacolo, partecipando come ospite in vari programmi televisivi e recitando in alcune fiction e cortometraggi.

La Rosa ha deciso poi di dedicarsi alla sua famiglia e ai suoi due figli Andrea Renato e Gabriele, nati dal matrimonio con l’avvocato Guido Bellitti.

LEGGI ANCHE -> Marina La Rosa, retroscena inaspettato su Rocco Casalino

Marina La Rosa, che fine ha fatto oggi? Una confessione inaspettata

Marina La Rosa oggi
La Rosa

L’ex gieffina è stata ospite oggi a Domenica Live, dove ha portato la sua testimonianza in merito alla Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne, raccontando un evento del suo passato davvero traumatico.

Marina, quanso aveva 16 anni, è stata fidanzata con un ragazzo, di 10 anni più grande di lei, che più e più volte ha usato violenza nei suoi confonti. L’uomo, di cui non ha fatto il nome, ha anche tentato di investirla con la sua moto, un giorno, dopo una discussione.

LEGGI ANCHE -> Marina La Rosa, tutta la verità sul suo rapporto con Pietro Taricone

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @domenicalive

La Rosa era molto giovane e non ha detto a nessuno né tanto meno ha denunciato il fidanzato violento e ha voluto raccontare la sua storia proprio per spronare tutte le donne vittima di suprusi a non seguire il suo esempio e a non rimanere in silenzio di fronte a queste situazioni terribili.