Home Televisione Daria Bignardi, il dramma della malattia: un dolore silenzioso ma costante

Daria Bignardi, il dramma della malattia: un dolore silenzioso ma costante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:46
CONDIVIDI

Daria Bignardi ha vissuto dei momenti davvero molto difficili a causa di un brutto tumore al seno, ma ora il peggio è passato. il suo dramma.

daria bignardi
Daria Bignardi (Getty Images)

Daria Bignardi non ha vissuto un passato semplice, complice una malattia che le avrebbe potuto stroncare la vita: qualche anno fa, infatti, l’ex direttrice di Rai Tre ha dovuto necessariamente fare i conti con un tumore al seno che le ha di fatto interrotto la carriera.

Adesso, però, a distanza di tanto tempo, quell’esperienza è e rimane soltanto un brutto ricordo dal quale, però, è stata in grado di rialzarsi.

Non è stato facile farlo, ma ha dovuto per sé stessa e tutte le persone che le vogliono bene. Per lei è stato, letteralmente, un nuovo inizio.

LEGGI ANCHE -> Daria Bignardi conduttrice, L’Assedio: programma già visto?

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Vi presento il nuovo romanzo: s’intitola “Oggi faccio azzurro” ed esce il 10 novembre. Comincia così: Ho perso – per colpa mia – il mio grande amore.
«Deve trovare un colpevole e trova se stessa» dice la dottoressa Anna Del Fante pulendo le lenti degli occhiali rossi con la sciarpa azzurra.
Vengo da lei due volte alla settimana. Non le parlo dei pomeriggi passati a calcolare l’ora migliore per buttarmi dal balcone. Preferirei farlo di notte, ma se non morissi e rimanessi agonizzante nel cortile? Abito al secondo piano, non al sesto. Forse di mattina è meglio. Le cinque del mattino sono un buon compromesso: silenzio, buio, ma il portinaio già alzato per portare i bidoni della spazzatura in strada si occuperà di smaltire anche il mio corpo, in tempo per risparmiarne la vista ai bambini che escono per andare a scuola. «Buttaci lui dal balcone» spunta la Voce quando resto troppe ore sul divano a osservare la magnolia grandiflora del cortile. «Anche io volevo morire quando Vasilij se n’è andato. Non posso pensare che cent’anni dopo siamo ancora messe così.» La Voce è comparsa il tredici di agosto, nel mezzo della mia prima estate senza Doug.

Un post condiviso da Daria Bignardi (@dariabig) in data:

Daria Bignardi torna in tv dopo la malattia: il peggio è passato

daria bignardi l assedio
daria bignardi l assedio

Daria Bignardi, che nel frattempo è tornata in tv sul Nove con “L’assedio“, un format nato ormai tantissimi anni fa grazie a “Le invasioni barbariche” e poi copiato da tantissimi altri programmi di enorme successo, è una vera e propria signora della tv.

Mai banale, mai volgare, molto gentile e soprattutto professionale: è questo e molto altro lei, una donna forte che, tuttavia, ha dimostrato a tutti che non servono urla e schiamazzi per fare un buon lavoro in tv.

LEGGI ANCHE -> Daria Bignardi ricorda Pietro Taricone: aneddoto commovente su di lui

A volte, infatti, anche la gentilezza, un sorriso e le buone maniere hanno la forza di sopraffare l’odio e la violenza. Insomma, dopo il dramma della malattia è finalmente tornata. E noi non possiamo che esserne felici.