Home Cinema The Departed: il gangster movie moderno gioiello di Scorsese

The Departed: il gangster movie moderno gioiello di Scorsese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:00
CONDIVIDI

Questa sera Iris ripropone in prima serata uno dei massimi capolavori di Martin Scorse, The Departed – Il bene e il male.

Locandina di The Departed
Locandina di The Departed

Il film, uscito nel 2006, era il remake di un successo cinese del 2002, Infernal Affairs – purtroppo da noi mai sbarcato al cinema. The Departed ha sicuramente dalla sua un ottimo cast – tra con Leonardo DiCaprio, Matt Damon, Jack Nicholson, Mark Wahlberg, Martin Sheen, e Alec Baldwin – ma ancora di più colpisce l’eccellente scrittura di William Monahan a cui Scorsese si è affidato per la sceneggiatura. Il film non solo andò benissimo al box office, ma riuscì anche ad ottenere 4 oscar per Miglior film, Miglior regia, Migliore sceneggiatura – non originale – e Miglior montaggio.

Come anticipato, questa sera Iris manderà The Departed in onda a partire dalle ore 21.00

Leggi anche –> Tania Bambaci fidanzata Samuel Peron: matrimonio rinviato?

Curiosità e clip del film

The Departed
The Departed

Parlare della trama di The Departed sarebbe in un certo senso dannoso, perché qualunque accenno rischierebbe di compromettere quell’intreccio abilmente costruito che ha fatto la fortuna del film. Rimanendo sul generale possiamo dire che sullo sfondo di una Boston criminale, si muovono le vite del boss irlandese Frank Costello (Jack Nicholson) e l’incredibile caccia all’uomo dell’FBI per fermare il boss, mentre storie personali, problemi e pessimi luoghi comuni s’incastrano non concedendo una attimo di respiro. Per catturare Costello sarà necessario prima raggiungere un altro obiettivo: scoprire la talpa che si è inserita nell’FBI, ma tra doppi e tripli giochi non sarà facile scoprire la verità.

Un quadro architettato alla perfezione che conduce ad un finale inatteso e mozzafiato, nello stile di Scorsese, che da buon cinefilo non ha mancato di aggiungere delle piccole chicche all’interno del film e che lo hanno reso ancora più indimenticabile.

Tra le curiosità cinefile che caratterizzano il film c’è sicuramente una che riguarda Scarface: nel film il regista è riuscito ad inserire una X nella stessa inquadratura di un uomo che sta per morire come evidente riferimento a Scarface – Lo sfregiato, film del 1932 di Howard Hawks, padre del remake del 1983 con Al Pacino.

Ma l’atteggiamento citazionista non riguarda solo film di altri, ma anche quelli di Scorsese stesso; la famosa scena in cui Leonardo DiCaprio fa esercizi a petto nudo nella sua cella è un diretto riferimento a Cape Fear, diretto nel 1991 dallo stesso regista, solo che al posto di DiCaprio, ovviamente, c’era un inquietante Robert DeNiro.

Allo stesso modo il regista, tra l’altro fan dei Rolling Stones, ha utilizzato Gimme Shelter del gruppo per la sua colonna sonora. Vi ricorda qualcosa? Il regista aveva già utilizzato il brano sia in Quei Bravi Ragazzi che in Casinò. Autoitazionismo e passioni qui si mescolano alla perfezione, regalando un quadro assolutamente impeccabile.

Leggi anche –> Viktorija figlia Sinisa Mihajlovic, il suo grande segreto: di cosa si tratta?