Home Personaggi Tommaso Buscetta, chi era il boss dei due mondi? I suoi atti...

Tommaso Buscetta, chi era il boss dei due mondi? I suoi atti terribili

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:14
CONDIVIDI

Tommaso Buscetta è stato soprannominato il Boss dei due mondi e con lui diamo inizio a un capitolo nuovo della mafia degli anni 50.

Tommaso Buscetta
Tommaso Buscetta

Un periodo di cronaca nera non indifferente quello che vede come protagonista Buscetta, ex mafioso pentito che nacque a Palermo dopo la Prima Guerra Mondiale, nel 1928.

Cresce in una famiglia molto povera e senza disponibilità economiche, ed è l’ultimo nato di 17 figli. Cresce nei vicoli della sua città facendosi trasportare dalle compagnie di amici in furti e dispetti, ma crescendo questo vizio diventa sempre più parte della sua quotidianità, tanto che con il trascorrere del tempo ci si dedica sempre di più diventando un boss a tutti gli effetti.

Il boss dei due mondi, perché era al corrente di tutti i fattacci che accadevano in Italia come in America.

Leggi anche –> Addio a Primo Appuntamento: decisione dolorosa

Tommaso Buscetta, ex mafioso pentito

Tommaso Buscetta
Tommaso Buscetta

Era già stato arrestato a metà degli anni 50, poi scarcerato e poi invitato nuovamente da Falcone a collaborare con la giustizia per potersi dare tregua.

Dopo le innumerevoli suppliche decide di accettare e di dire tutta la verità su Cosa Nostra. Grazie alle sue dichiarazioni che rivelò durante il Maxi Processo, la giustizia riuscì a compiere il maggior numero di arresti incredibile, dando modo di capire anche come funzionava la gerarchia della mafia, che secondo lui non esisteva, ma era solo un’invenzione dei giornali.

Leggi anche –> Arisa, sfogo in diretta: “non mi vergogno del mio corpo”

Questa sua decisione, più o meno spontanea, non piacque alla mafia che gliela fece pagare molto cara, uccidendo 11 persone della sua famiglia.

Tommaso, inoltre, si fece operare al volto per cambiare i suoi tratti somatici, così da garantirsi una vita normale evitando che le persone potessero riconoscerlo.

Morì nel 2000 a causa di un tumore.