Home News Giocava in Serie A ed era ricchissimo, ora è malato senza un...

Giocava in Serie A ed era ricchissimo, ora è malato senza un soldo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:36
CONDIVIDI

È stato un calciatori più eccentrici della storia del mondo del pallone e ricchissimo. Ma che fine ha fatto? I fan sono preoccupati per lui.calciatore del siviglia positivo

Paul Gascoigne è stato senza alcun dubbio uno dei calciatori più caratteristici e particolari degli anni ’90. Un grande talento che forse troppo spesso si è perso a causa dei suoi vizi e delle sue dipendenze. L’inglese infatti non ha mai nascosto di essere vittima dell’abuso di alcool. A inizio sembrava aver trovato la fine del tunnel. Il tutto sarebbe arrivato grazie a un rimedio drastico, costoso e doloroso, ossia un’operazione chirurgica.

LEGGI ANCHE -> Lutto nel mondo del calcio, un terribile incidente mortale

Paul Gascoigne come sta? Il suo è un appello disperato

Mi hanno cucito, all’interno dello stomaco, dei pellet che creano un dolore fortissimo se bevo troppo. Posso bere una birra o un bicchiere di vino, ma se esagero, o se prendo superalcolici o droghe, nel mio organismo viene scatenato un dolore lancinante. Ho speso circa 20mila sterline, ma ne è valsa la pena“, questo quanto raccontato dallo stesso ex giocatori ai microfoni del ‘Mirror’. Ma quali sono oggi le sue condizioni? I suoi fan continuano a essere molto preoccupati  per lui.

LEGGI ANCHE -> Benji e Fede, il retroscena dietro l’addio: tra alcool e dipendenze

Il buon Gazza ci sarebbe ricascato. L’inglese infatti sarebbe appena uscito dall’ospedale dove è stato ricoverato d’urgenza dopo essere stato ritrovato in strada in coma etilico. Ora l’uomo, un tempo ricco e famoso, ha bisogno d’aiuto. L’ex stella, che in Serie A ha indossato la maglia della Lazio, non avrebbe nemmeno più un soldo per pagarsi la disintossicazione. Ed è per questo che un gruppo di suoi amici si starebbe già attivando per pagargli la clinica e sostenerlo. Un gesto estremo per cercare di salvarlo. Non resta che attendere se chi l’ha sempre amato da calciatore ora proverà a salvarlo.