Home Televisione Vittorio Sgarbi piange in diretta: “Non doveva morire” Lacrime ad Io e...

Vittorio Sgarbi piange in diretta: “Non doveva morire” Lacrime ad Io e Te

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:19
CONDIVIDI

Vittorio Sgarbi piange in diretta e scoppia in lacrime appena entrato in studio da Pierluigi Diaco ad Io e Te: “Non doveva morire così.”

Vittorio Sgarbi
Vittorio Sgarbi

Commozione davvero molto forte, che si ripresenta per ben due volte, di Vittorio Sgarbi che, in maniera totalmente inaspettata, da Pierluigi Diaco ad Io e Te, programma in cui era ospite. Il noto critico d’arte ha infatti pianto facendo scendere per ben due volte le lacrime di commozione e di immenso dolore per la morte di un suo carissimo amico: stiamo infatti purtroppo parlando del filosofo Giulio Giorello, che è scomparso ieri forse a causa del virus che ha colpito tutto il mondo.

Il noto opinionista e critico d’arte non riesce a trattenersi quando legge uno stralcio di giornale in cui ha voluto ricordare il suo grande amico, che aveva soltanto 75 anni, con cui aveva anche scritto un libro su Dio.

TI POTREBBE INTERESSARE: Santino Fiorillo, avete mai visto il suo “coinquilino”? Sul web è famosissimo

Vittorio Sgarbi lacrime in diretta per Giulio Giorello

giulio giorello morto
Giulio Giorello

Il suo ricordo fa davvero male a Vittorio Sgarbi che non riesce proprio a trattenersi e scoppia in lacrime davanti al suo caro amico Pierluigi Diaco che, in maniera molto gentile, accoglie il suo dolore ed il suo pianto, concedendogli il tempo di riprendersi, per poi tributare all’anima di Giulio Giorello un sentito quanto doveroso applauso di tutto lo studio che, lo ricordiamo contiene soltanto gli autori ed operatori per far sì che il programma vada in onda, ma non il pubblico.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pierluigi Diaco contro Vittorio Feltri: botta e risposta tra social e tv

Un momento davvero molto toccante per lui che siamo soliti vedere in maniera molto agguerrita nei salotti tv ma che, allo stesso tempo, come ha confessato proprio Diaco, possiede anche un’anima molto dolce e profonda, oltre ovviamente ad una cultura smisurata.