Home Cinema At home, il format spagnolo che racconta il lockdown

At home, il format spagnolo che racconta il lockdown

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:15
CONDIVIDI

Si chiama At Home (A Casa) il progetto nato in Spagna che vede cinque registi raccontare come vivono la loro quarantena in pieno periodo di pandemia.

Rodrigo Sorogoyen
Rodrigo Sorogoyen (Fonte: Getty Images)

Si chiama At home ed è un format richiesto da HBO Europe che ha voluto che 5 registi spagnoli filmassero il loro lockdown.

Paula Ortiz, Carlos Marqués-Marcet, Elena Martín, Rodrigo Sorogoyen e Leticia Dolera sono i cinque nomi che avranno il compito di raccontare in 15 minuti come vivono la loro quarantena.

Ad ogni regista verrà fornito un equipaggiamento che potranno utilizzare per le riprese, tra cui anche uno smartphone.

LEGGI ANCHE —> Johnny Depp, ecco perchè l’attore indossa sempre gli occhiali

Ogni cineasta potrà anche usufruire dell’aiuto di collaboratori, che però dovranno espressamente fare parte delle persone con cui stanno vivendo questo attuale lockdown.

Questo progetto debutterà prima in Spagna durante le prossime settimane e poi è anche prevista la distribuzione in altri paesi.

At home, il progetto sul lockdown

Paula Ortiz
Paula Ortiz (Fonte: Getty Images)

In questa serie antologica dal titolo At Home, saranno previsti episodi di genere diverso, che vanno da storie fantastiche, a commedie romantiche, a quelle drammatiche.

La trama degli episodi sarà ovviamente incentrata sull’attuale situazione di pandemia globale e conseguente lockdown e cercherà di rispondere a domande interessanti sulla quarantena.

Due tra tutte potrebbero essere ad esempio cosa potrebbe accadere se il proprio compagno ci lasciasse il giorno stesso del lockdown o se vivere in quarantena può essere un’esperienza violenta.

LEGGI ANCHE —> Sylvester Stallone in lutto: morto lo sceriffo di “Rambo”, era positivo?

Tutte domande particolari che possono stuzzicare l’interesse del pubblico e creare la giusta trama per un episodio che sia accattivante, ben strutturato e piacevole.

Ogni regista selezionato per questa impresa ha già avuto degli importanti riconoscimenti in Spagna, ottenendo anche vari premi.

Sorogoyen ad esempio era in gara per l’Oscar del 2019 con il suo corto Madre, Leticia Dolera è una famosa attrice, Paula Ortiz con il film La novia ha ricevuto due nomination ai premi Goya, Elena Martin è attrice sceneggiatrice e ha ricevuto anche premi, Marqués-Marcet ha ricevuto invece un Goya e altri numerosi premi per la sua opera 10.000 km.