Home News Giacomo figlio Adriano Celentano, ecco il suo dramma

Giacomo figlio Adriano Celentano, ecco il suo dramma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:35
CONDIVIDI

Figlio Adriano Celentano: ecco la storia di Giacomo e il suo dramma. Il ragazzo, musicista come il padre, ne ha parlato in un’intervista.

figlio Adriano Celentano
figlio Adriano celentano

Giacomo Celentano è l’unico figlio maschio avuto da Adriano Celentano e Claudia Mori. Anche lui, proprio come i suoi due genitori, ha deciso di entrare a far parte e di provare a sfondare nel mondo della musica. La sua vita però è stata fortemente condizionata da una grave malattia e da un vero e proprio dramma che l’ha colpito.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Figli Adriano Celentano, ecco chi sono

Giacomo figlio Adriano Celentano, ecco il suo dramma

ascolti tv ieri 28 novembre 2019
giacomo figlio adriano celentano

A parlarne è stato lui stesso in alcune interviste in tv e anche in alcuni libri scritti. Il ragazzo ha infatti sofferto di una grave forma di depressione. “Da bambino e da adolescente ero innamorato di mia madre. Come potevo non esserlo? Sono ancora innamorato di lei, solo che ora provo un affetto diverso, più simile ad un amore adulto“, queste le sue parole.

Giacomo Celentano entra poi ancor più nel dettaglio: “Tutto ha avuto inizio nel 1990, più precisamente in un periodo in cui avevo realizzato il mio primo album da cantautore e avrei dovuto godermi quel momento fortunato. Però questo non successe. Una sera, mentre stavo per andare a dormire, di punto in bianco mi sono sentito male. Mi si dimezzò la capacità toracica. Non riuscivo a respirare e ho subito capito che era successo qualcosa di grave. Fisicamente ero sano, ma i problemi respiratori di origini nervose mi rendevano logoro come un novantenne. Gli amici, la mia fidanzata e i miei parenti non mi comprendevano e così mi sono ritrovato solo con la mia malattia”. Il figlio d’arte ha provato anche a dare una spiegazione: “Il successo è un disvalore, un qualcosa di distruttivo. Chi mi ha salvato? La famiglia della mia compagna, che mi ha accolto e trattato come un figlio”.