Home News Alcune curiosità su “Frozen – Il regno di ghiaccio”

Alcune curiosità su “Frozen – Il regno di ghiaccio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:05
CONDIVIDI

Frozen_Il_regno_di_ghiaccio_2PA

Chi non conosce Elsa e Anna, le protagoniste del lungometraggio Disney Frozen – Il regno di ghiaccio? Sapevate, però, che inizialmente Elsa sarebbe dovuta essere l’antagonista principale del film, poi trasformata in sorella di Anna dagli sceneggiatori?

E che, per progettare il castello di Elsa, il team produttivo si è ispirato all’Hotel De Glace in Québec?

Tra l’altro, la scena della costruzione del palazzo è stata creata da ben 50 animatori, mentre Elsa ha qualcosa come 420.000 capelli, ognuno generato singolarmente in CGI. Quindi, quindici volte i capelli di Raperonzolo, che, insieme a Flynn, compare in un cameo durante l’arrivo degli opiti per la cerimonia d’incoronazione di Elsa.

Elsa che, come pure Anna, Kristoff, Olaf e molti altri personaggi, non compare, in realtà, nella fiaba, infatti il film è solo liberamente ispirato a “La regina delle nevi” di Hans Christian Andersen, da cui Walt Disney voleva trarre un film già negli anni Quaranta.

In ogni caso, su Ebay sono state vendute delle bambole in edizione limitata di Anna ed Elsa per la modica cifra di 10.000 dollari e, dopo l’uscita del film nelle sale cinematografiche, a tantissime bambine sono stati dati i loro nomi.

In Norvegia, invece, l’uscita del film ha segnato un’impennata nel settore del turismo e si è registrato un incremento del 153% dell’acquisto di biglietti aerei verso il paese.

Ancora non siete soddisfatti? Allora sappiate che il cavallo di Anna si chiama Sitron, che in norvegese significa limone, che inizialmente Sven si sarebbe dovuto chiamare Thor e che il personaggio di Kristoff è ispirato alle popolazioni originarie del nord della Norvegia, i Sami, generalmente conosciuti come Lapponi.

E concludiamo rivelandovi che il taglio del ghiaccio che si vede nella prima sequenza del film era una volta una professione realmente esistente e che il team d’animazione ha creato uno specifico software per la creazione dei fiocchi di neve per poter avere addirittura 2.000 diverse combinazioni di forme e colori.