Home News Eventi, Festival Nuovo Cinema Europa: i vincitori

Eventi, Festival Nuovo Cinema Europa: i vincitori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:01
CONDIVIDI

L’ultima giornata del Festival si è conclusa con la premiazione dei film vincitori di questa edizione. Premiazione non senza alcune sorprese. Giova ricordare che le Giurie erano 3: la giuria del pubblico, che ha potuto votare le opere tramite una scheda di valutazione distribuita ad ogni proiezione, la Giuria degli esperti e la Giuria Giovani. La classifica finale risultato dei voti del pubblico vede al terzo posto quello che continua ad essere il preferito di chi scrive Die Unsichtbare (l’Invisibile), di produzione tedesca, opera seconda di Christian Schwochow, film scelto dal Goethe Institut Genua, al secondo posto invece Le petite Chambre (La cameretta), una coproduzione di Svizzera e lussemburgo diretta da Stéphanie Chuat e Véronique Reymond, scelto dall’Istituto Svizzero di Roma, mentre al primo posto, e vincitore quindi del premio del pubblico Die Farbe Des Ozeans (Il Colore dell’oceano), film Tedesco-spagnolo di Maggie Peren, anche questo scelto dal Goethe-Institut Genua, che ha quindi ritirato il premio. Il Premio della Giuria è stato assegnato dalla giuria degli esperti (composta da Marco Cipolloni, Paolo Filauro e Francesca Savino) al film Die Farbe Des Ozeans (Il Colore dell’oceano), che quindi come raramente accade, ha accomunato nella scelta pubblico ed esperti del settore. Anche questo premio è stato ovviamente ritirato dal Goethe-Institut Genua. La Giuria ha deciso di premiare questo film per la capacità di rappresentare in uno spazio insulare una storia complessa con un tema difficile come l’immigrazione clandestina, con un linguaggio lineare coerente ed efficace. Inoltre la Giuria ha dimostrato di apprezzare la qualità mediamente elevata di tutti i film, menzionando in particolare le capacità registiche di Roberto Garzelli, regista de Le sentiment de la Chair, mentre ha apprezzato le capacità attoriali presenti ne La petite Chambre, soprattutto nel rappresentare il rapporto generazionale tra madre e figlia delle attrici del film.
La Giuria Giovani (composta da Davide Ghio, collaboratore redazionale Zai.net/Giovani reporter; Erik Negro, studente della facoltà di lettere; Marco Romagna, studente del Dams-Polo di Imperia) ha deciso di conferire una menzione al film Die Unsichtbare (l’Invisibile), mentre ha messo al secondo posto Todos Vosodes Capitans(Tutti voi siete capitani), film spagnolo di Oliver Laxe. Il Primo premio in questo caso è andato a Le petite Chambre del quale è piaciuta molto l’estrema sensibilità nell’affrontare l’argomento trattato. Il premio è stato ritirato dall’Istituto svizzero di Roma che ha scelto il film.
Importante è però precisare che La Giuria degli esperti poteva premiare solo alcuni dei film proiettati, in quanto, secondo il regolamento del Festival, gli Istituti di cultura europea potevano scegliere soltanto uno ciascuno dei film portati al festival per concorrere al premio della Giuria, mentre agli altri premi, quello della Giuria Giovani e quello del pubblico concorrevano tutti i film proiettati.
Concluderei con un’ultima considerazione. Avendo fatto parte del pubblico del Festival per la maggior parte delle proiezioni, e quindi avendo partecipato alla votazione dei film per il premio del pubblico, posso dire senza ombra di dubbio che è stato un compito molto arduo in quanto i film erano tutti veramente molto belli, e tutti rappresentanti tematiche interessanti, a volte scottanti, controverse, molto attuali. Ogni pellicola ha proposto spunti di riflessione e ha lasciato qualcosa di profondo negli occhi di ogni spettatore

Dario Pittaluga