Home News Liliana De Curtis, perché si chiamava così? Il nome scelto dopo un...

Liliana De Curtis, perché si chiamava così? Il nome scelto dopo un tragico evento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:43

È morta Liliana De Curtis, la figlia del celebre attore napoletano Totò. È stato proprio l’artista a scegliere il suo nome che ha un significato profondo. Conosciamola meglio.

La figlia di uno degli artisti che ha reso grande Napoli in tutto il mondo si è spenta all’età di 89 anni. La notizia è stata data dal quotidiano nazionale La Repubblica ed ha rattristato i tanti fan dell’attore che la ricordano sempre con grande affetto. La sua scelta professionale è stata proprio quella di seguire le orme del padre che scelse il suo nome dietro un tragico evento.

Liliana De Curtis
fonte foto: Ansa

Liliana De Curtis era la figlia di Antonio De Curtis, famoso in tutta Italia e altrove semplicemente come Totò. Come riporta il quotidiano nazionale italiano, la donna si è spenta all’età di 89 anni nella sua casa a Roma venerdì 3 giugno, assistita fino alla fine dalla figlia Elena. Ha deciso di muovere i suoi passi nel mondo del cinema e diventare attrice come il padre, partecipando a diversi film.

È proprio al genitore che, nell’arco degli anni, ha dedicato diversi volumi, visto che era anche una rinomata scrittrice. Liliana, inoltre, per tutta la vita ha fatto in modo di realizzare un museo proprio dedicato al padre Totò. Conosciamola meglio sia da un punto di vista professionale che privato. In particolare vediamo perché il padre ha scelto questo nome per lei.

Liliana De Curtis, chi era: nome, carriera, biografia

  • Nome: Liliana Focas Flavio Angelo Ducas Comneno de Curtis di Bisanzio Gagliardi
  • Data di nascita: 10 maggio 1933
  • Luogo di nascita: Roma
  • Età: 89 anni
  • Segno zodiacale: Toro
  • Professione: attrice e scrittrice
  • Data di morte: 3 giugno 2022
  • Luogo di morte: Roma
  • Genitori: Totò e Diana Rogliani

Liliana De Curtis è nata il 10 maggio 1933 a Roma, sotto il segno del Toro. Il suo nome ha una storia particolare e tragica. Non tutti sanno che è stato scelto dal padre Totò per omaggiare Liliana Castagnola, con la quale era stato legato per qualche tempo prima di unirsi a Diana Rogliani. La donna si era suicidata qualche tempo prima per lui.

Quando il padre era già uno dei più grandi attori sulla scena cinematografica italiana, Liliana decise di muovere i primi passi proprio all’interno della settima arte, partecipando a diverse pellicole. Durante la sua breve carriera di attrice ha collaborato anche con diverse personalità, soprattutto in teatro, tra cui Antonino Miele.

Con Miele e Matilde Amorosi ha scritto Ogni limite ha una pazienza, libro edito da Rizzoli Editore nel 1992 e dedicato proprio al padre Totò morto nel 1967. Proprio da qui inizia la sua carriera come scrittrice. Il pubblico l’ha vista più di una volta in tv, dove era stata ospitata per ricordare il padre, al quale era molto legata e gli ha dedicato diversi libri biografici. Nel 2013, durante la festa di san Gennaro, riceve il premio alla carriera.

Liliana De Curtis vita privata: marito e figli

Per quanto riguarda la vita privata di Liliana, sappiamo che è stata sposata due volte. La prima volta con il produttore cinematografico Gianni Buffardi con il quale è diventata madre di Antonello e Diana, quest’ultima è morta nel 2011 dopo una lunga malattia.

In seconde nozze, invece, si è unita con Sergio Anticoli. Dal loro amore è nata nel 1969, due anni dopo la morte di Totò, la figlia Elena. È proprio lei la fondatrice del brand commerciale “CafféTotò”, rinomato in tutta Italia.