Home Televisione Tg1 sotto attacco, la grave accusa sul web: “Vergognatevi”

Tg1 sotto attacco, la grave accusa sul web: “Vergognatevi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:41

Il web attacca il Tg1. Su Twitter impazza l’hashtag “vergognatevi”. In particolare, non è piaciuto il servizio sulla giornata tipo del no-vax

Tg1
Fonte foto: Facebook

Si torna a parlare di Covid. Dopo la nuova ondata di contagi che ha investito tutta Europa, il governo italiano ha varato delle misure e delle restrizioni in vista del Natale per scongiurare nuovi aumenti nei contagi. In particolare, in Italia, a partire dal 6 dicembre sarà in vigore una nuova stretta sui no-vax con il Super green pass, valido anche in zona bianca.

Il Super green pass è una certificazione rafforzata ed è a disposizioni di tutti coloro che si sono vaccinati contro il Covid o che sono guariti dal Coronavirus. Non è valido a coloro che risultano negativi ad un tampone. Ha una durata di 9 mesi. Questa certificazione serve per accedere a diverse attività: eventi sportivi, spettacoli teatrali, cinema, accesso a bar e ristoranti al chiuso, ingresso in feste e discoteche. Sarà indispensabile fino al 15 gennaio del 2022. Insomma, la vita per coloro che non ne saranno in possesso sarà messa a dura prova.

Per questa ragione, il Tg1 ha deciso di mandare in onda un servizio che riprende la giornata tipo di un no-vax. Che cosa può e che cosa non può fare con queste nuove restrizioni? Il servizio non è affatto piaciuto ad alcune persone e sul web alcuni si sono indignati. Vediamo le reazioni.

Tg1, le critiche del web: “Questa è la televisione nazionale”

Il servizio del Tg1 riguardante le nuove restrizioni in vigore che mettono una stretta non indifferente alle scelte e alla vita di coloro che ancora non si sono vaccinati proprio non è piaciuto ad alcuni utenti sul web.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Vi ricordate questa storica gaffe del Tg1? Il video esilarante

Tant’è che su Twitter impazza l’hashtag “vergognatevi”. Certi utenti trovano inammissibile che la televisione nazionale faccia servizi di questo tipo per convincere i no vax a fare il vaccino. Sono molti i commenti polemici che si possono leggere sul social network.