Home Personaggi Pierluigi Diaco, conoscete il marito Alessio? Li ha sposati un Vip

Pierluigi Diaco, conoscete il marito Alessio? Li ha sposati un Vip

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:06

Pierluigi Diaco da anni è sposato felicemente con Alessio, ma sapete chi è stato a celebrare le nozze?

Pierluigi Diaco
Getty Images

Era il 2017 quando il giornalista e conduttore che sta per tornare con la nuova stagione di Io Ti sento ha sposato il compagno Alessio Orsigher.

Di Alessio ho capito che lui era la persona giusta con cui costruire una vita, fatta di stima e affetto reciproco” sono queste le parole che lui stesso ha detto in una lunga intervista con Mara Venier.

Quello che forse molti di voi non sanno è la persona che ha officiato la loro unione, è un suo amico e collega ed è davvero molto conosciuto.

Pierluigi Diaco e Alessio Orsingher: Maurizio Costanzo ha celebrato il matrimonio

Pierluigi Diaco sta per tornare in tv con la nuova stagione di Ti sento, il programma che ha riscosso grande successo nella prima edizione.

Il giornalista e conduttore di Rai Uno dal 2017 è sposato con Alessio, l’uomo che come lui stesso ha ammesso gli ha fatto riscoprire la voglia di condividere la sua vita con qualcuno.

Ad aver celebrato le nozze è stato Maurizio Costanzo, collega e amico del giornalista con cui molto spesso ha anche collaborato per motivi lavorativi. Insomma davvero un officiante di grande spessore e rilievo.

Fino a cinque anni fa, ascoltavo la solitudine e mi piaceva, poi ho incontrato Alessio e la mia vita è diventata una vita piena d’amore” ha ammesso in una lunga intervista non nascondendo anche la voglia di diventare padre il prima possibile.

Detto questo, come accennato prima il conduttore torna in tv con Ti Sento, Martedì 14 Settembre su Rai Due e anche su Radio Due con tanti nuovi ospiti  il giorno prima. Il primo appuntamento è con Giovanni Minoli, a sono tanti gli ospiti che incontrerà nel corso delle puntate.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE>>> Pierluigi Diaco sta per tornare, per lui tante novità in arrivo 

Il programma è nato come una provocazione: voler portare una partitura radiofonica dentro il mezzo televisivo e le puntate in tv hanno avuto ascolti felici per la seconda serata” ha anticipato in una lunga intervista per il Messaggero.