Home Televisione Paolo Bonolis, quella lite con Cecchi Paone passata alla storia: video epico

Paolo Bonolis, quella lite con Cecchi Paone passata alla storia: video epico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:52

Quello tra Bonolis e Cecchi Paone fu uno scontro storico in tv. Eccoli discutere sul programma ‘Ciao Darwin’: era una trasmissione volgare?

Bonolis Cecchi Paone
Fonte foto: Getty Images / Facebook

Vi ricordate la clamorosa lite tra Paolo Bonolis ed Alessandro Cecchi Paone avvenuta in diretta tv? Impossibile dimenticarla, dal momento che è entrata negli annali. Ma che cos’è effettivamente successo tra i due e soprattutto che cosa ha fatto scattare la scintilla?

Ogni tanto in televisione capita che alcuni personaggi che la popolano si scontrino, creando un’audience non indifferente. Quest’oggi vogliamo ricordare di quella volta che Paolo Bonolis si scontrò con Alessandro Cecchi Paone, due protagonisti assoluti del piccolo schermo e di un certo spessore culturale.

All’epoca ospiti di Maurizio Costanzo, il motivo dell’alterco – comunque pacato – fu la trasmissione Ciao Darwin. Il punto della questione era: è una trasmissione volgare? Come sappiamo, Bonolis ne è stato il conduttore storico.

Vediamo insieme la discussione tra i due che ha suscitato riflessioni interessanti, considerando anche la capacità dialettica e la cultura dei due interlocutori.

Lite Cecchi Paone-Bonolis: video epico

Secondo Cecchi Paone – che è un opinionista che di certo non si tira indietro quando c’è da sostenere un’idea – il programma Ciao Darwin era divertente fin quando si scontravano categorie, in qualche modo simpatiche, come “secchioni contro culturisti”, ma quando ad opporsi c’erano squadre come “travestiti contro scambisti” allora la trasmissione sfociava nel volgare.

Mentre secondo Bonolis, Ciao Darwin era un varietà la cui volontà di fondo era sottilissima: quella di scrostare la grande menzogna che tutti viviamo quotidianamente, dove ci dicono che da una parte c’è il bene e dall’altra il male, dove ci dicono che dobbiamo avere dei nemici che sono diversi da noi, ma dietro quelle categorie/squadre che si scontrano ci sono delle persone.

Tutti siamo esseri umani e quando giocano insieme si toglie la patina della menzogna, in quanto cercano di crearci sistematicamente dei nemici, culturalmente, nella diversità, per creare della paura e quando si ha paura si ha bisogno di qualcuno che comandi e necessariamente si alimenta un potere.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Alessandro Cecchi Paone sotto attacco: “Le idee non si processano”

E voi cosa ne pensate? Chi ha ragione in questo caso? Ciao Darwin è stato un programma effettivamente volgare o è servito per fotografare la realtà?