Home Personaggi Claudio Baglioni irriconoscibile: ve lo ricordate negli anni ’70?

Claudio Baglioni irriconoscibile: ve lo ricordate negli anni ’70?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:15
CONDIVIDI

Claudio Baglioni è tra gli artisti italiani più amati e seguiti degli ultimi decenni, ma ve lo ricordate agli esordi negli anni ’70? Ecco com’è cambiato

Claudio Baglioni irriconoscibile: ve lo ricordate negli anni '70?
Claudio Baglioni, Fonte foto: GettyImages

Claudio Baglioni è tra gli artisti più amati e seguiti degli ultimi decenni, ma ve lo ricordate nei lontani anni ’70? Ecco com’è cambiato il cantautore di ‘Questo piccolo grande amore‘.

L’artista com’è noto è proprio in quegli anni che comincia a farsi conoscere proprio in quegli anni e da quel momento la sua incredibile carriera prende il via.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Pio e Amedeo amici da una vita: chi sono le loro mogli?

Claudio Baglioni chi è? Età, altezza, peso

Claudio Baglioni irriconoscibile: ve lo ricordate negli anni '70?
Claudio Baglioni, Fonte foto: GettyImages
  • Nome e cognome: Claudio Enrico Paolo Baglioni
  • Data di nascita: 16 maggio 1951
  • Età: 69 anni
  • Altezza: 1.88 m
  • Peso: 79 Kg
  • Luogo di Nascita: Roma
  • Instagram: @claudiobaglioniofficial

Baglioni è nato a Roma il 16 maggio del 1951 ed oggi ha quindi 69 anni; l’artista è il figlio di Riccardo Baglioni, maresciallo, e di Silvia Saleppico, una sarta.

L’infanzia e l’adolescenza, il cantante la trascorre tra il quartiere Monte Sacro e Centocelle, mentre d’estate è in Umbria.

L’incredibile carriera dell’artista comincia nel ’64 quando Baglioni ha tredici anni e prende parte al noto concorso voci nuove e l’anno successivo riesce a vincere il suddetto con la canzone dal titolo ‘I tuoi anni più belli‘.

Negli stessi anni, l’artista prende parte ai Ludi Canori, mentre un paio di anni dopo è al ‘Festival degli sconosciuti‘ riuscendo ad arrivare in finale.

La sua passione per la musica cresce sempre di più e nel ’65 gli viene regalata una chitarra che impara a suonare con i brani di De André.

Insomma, un inizio di carriera che non poteva che evolversi in un incredibile successo.

Claudio Baglioni carriera: eccolo agli esordi negli anni ’70

Claudio Baglioni irriconoscibile: ve lo ricordate negli anni '70?
Claudio Baglioni, Fonte foto: YouTube

L’artista già alla fine degli anni ’60 partecipa a ‘Fuori la voce‘, solo qualche tempo dopo Baglioni pubblica il suo primo brano da titolo ‘Una favola blu/Signora Lia‘, in seguito è a ‘Un disco per l’estate’ con la canzone ‘Una favola blu‘ ed è al ‘Festivalbar‘ con ‘La favola blu‘. In fine esce il primo disco del cantante che porta il suo nome.

Nel ’71 invece è la volta di ‘Un cantastorie dei giorni nostri’ in cui vi sono alcune canzoni già note ed altre nuove; poi è la volta del brano dal titolo ‘Io, una ragazza‘ e non solo.

Forse non tutti lo sanno, ma l’artista ha anche scritto alcune canzoni per Mia Martini ed anche per Rita Pavone.

Ma il brano che tutti ricordano con tanto amore e che permette a Baglioni di riconoscersi nella musica romantica è ‘Questo piccolo grande amore‘ che riesce a vendere ben 900.000 copie e viene proclamata canzone del secolo al ‘Festival di Sanremo‘.


Fonte video: YouTube (@ Rai)

Nel ’73 è la volta di ‘Gira che ti rigira amore bello‘ ed in seguito pubblica ‘E tu…‘ riuscendo a vincere il ‘Festivalbar‘. Tutti i fan di Baglioni ricordano sicuramente le canzoni ‘Sabato pomeriggio‘ e l’iconica ‘E tu come stai?‘, con quest’ultima canzone l’artista esce dall’Italia e la sua sua musica è ascoltata anche in Francia.

All’inizio degli anni ’80 è la volta di ‘Strada facendo‘ e anche questa volta il successo è incredibile ed in seguito l’artista comincia un tour che vede un enorme numero di fan a seguito riuscendo ad arrivare ad 1 milione.

Verso la metà degli anni ’80 l’artista pubblica ‘La vita è adesso‘ riuscendo a vendere ben 1.200.000 copie, un incredibile successo che continua nel corso delle settimane.

Negli ’90 è la volta di ‘Oltre‘, all’interno del disco vi è la collaborazione di artisti del calibro di Pino Daniele, Mia Martini, Oreste Lionello e moltissimi altri.

All’inizio degli anni ’90 vi è l’omicidio di Falcone e Borsellino, in quell’occasione Baglioni prende parte a ‘Giù la maschera‘ un concerto contro la mafia.

Nel ’95 è la volta di ‘Io sono qui‘, in seguito diventa ambasciatore per la FAO ed organizza un enorme evento a Roma con artisti internazionali.

Un’altra grande emozione ed occasione per il cantante è quella nel ’96 quando canta ‘Avrai‘ al cospetto di Papa Giovanni Paolo II; poi è la volta di ‘Anima mia‘, noto programma Rai in cui Baglioni veste i panni di conduttore, poi pubblica il disco dal titolo ‘Anime in gioco‘.


Fonte video: YouTube (@ claudiobaglionitv)

Nel ’98 la FIGC dà a Baglioni il compito di cantare un inno ‘Da me a te’ che viene poi presentato a Parma per la partita di calcio Italia – Paraguay.

Alla fine degli anni ’90 è la volta di ‘Viaggiatore sulla coda del tempo‘.

Claudio Baglioni carriera: le canzoni del cantante dal 2000 ad oggi

Qui era solo un bambino, oggi è il cantautore più amato di sempre: chi è?
Claudio Baglioni, Fonte foto: Instagram (@ fanpage_claudio_baglioni)

Baglioni nel 2005 pubblica ‘Crescendo e cercando‘ e sempre nello stesso anno partecipa a ‘Live 8‘ cantando al Circo Massimo; in seguito è la volta di ‘Tutti qui – Collezione‘ che in pochi mesi riesce ad avere il triplo disco di platino.

In seguito è la volta di ‘Gli altri tutti qui‘ e sempre nello stesso periodo è sull’Isola di Ventotene con musicisti internazionali e tiene un concerto all’interno dell’aula planetaria del Parlamento europeo; in seguito comincia una tournée dal titolo ‘Tutti qui‘.

Nel 2008 è la volta di ‘QPGA‘ in cui vi sono tutti i nuovi arrangiamenti e l’anno successivo canta la colonna sonora della pellicola di Riccardo Donna.

Dopo la pubblicazione del suddetto film, esce il primo libro del cantautore dal titolo ‘QPGA‘, poi l’artista parte per un nuovo tour.

Nel 2010 è ai Fori Imperiali per il capodanno, in piazza vi erano ben 200.000 persone.

Nel 2014 è al ‘Festival di Sanremo‘ nei panni di ospite, mentre l’anno successivo si mostra in uno scatto con Gianni Morandi ed in seguito annunceranno la loro collaborazione in ‘Capitani coraggiosi‘.

Nel 2017 invece è la volta di ‘50 al centro‘ raccolta in cui vi sono quattro dischi per festeggiare i cinquant’anni di carriera dell’artista ed in seguito è in tour riuscendo a ottenere grandissimi risultati.

Nel 2018 è al centro del ‘Festival di Sanremo‘ nei panni di direttore artistico e di conduttore insieme a Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.

Il cantante riscuote molto successo tra il pubblico e di conseguenza viene riconfermato anche per l’anno successivo.

Nel 2020 programma 12 date alle Terme di Caracalla, ma a causa della pandemia da Nuovo Coronavirus le date si fermano e nel dicembre 2020 è la volta di ‘In questa storia che è la mia‘.

Claudio Baglioni, il nuovo album dopo il primo lockdown

L’ultimo album pubblicato dal cantautore si chiama ‘In questa storia che è la mia‘ ed è uscito il 4 dicembre del 2020.

La canone che anticipa il suddetto disco è intitolata ‘Io non sono lì‘.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Claudio Baglioni rompe il silenzio: c’entra Sanremo 2021

Claudio Baglioni vita privata: l’amore con Paola Massari e suo figlio

Il cantautore nel 1973 convola a nozze con Paola Massari che, come ormai è noto, è stata la musa ispiratrice di Baglioni per ‘Questo piccolo grande amore‘.

La storia d’amore tra Claudio e Paola viene resa nota ben cinque anni dopo il matrimonio, infatti, i due scelgono di sposarsi lontano dai riflettori.

Nel 1982 i due hanno il loro primo figlio che si chiama Giovanni; l’amore tra i due però finisce nel 2008.

Qualche tempo dopo, Baglioni fa sapere che ha una storia d’amor con Rossella Barattolo, manager, con cui a quanto pare ha una relazione amorosa ancora oggi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Claudio Baglioni (@claudiobaglioniofficial)