Home Personaggi Arisa vittima di bullismo da piccola: quel brutto soprannome

Arisa vittima di bullismo da piccola: quel brutto soprannome

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:55
CONDIVIDI

La meravigliosa ed amata cantante Arisa, dalla sofferenza della sua giovinezza alla serenità ritrovata: vittima di bullismo da piccola, quel brutto soprannome

Arisa vittima di bullismo da piccola: quel brutto soprannome
Arisa (fonte foto: Instagram, @ arisamusic)

Una straordinaria cantante dall’incredibile successo, Arisa interprete eccezionale autrice di grandi successo, ma anche personaggio televisivo e artista con una particolare storia alle spalle che le ha donato una personalità molto forte.

Quest’ultima oggi è riconosciuta come cantautrice di altissimo livello, con una carriera costellata di successi, tra grandi traguardi raggiunti e grosse soddisfazioni ottenute.

La sua vita però non è stata semplice, e le esperienze vissute la rendono un esempio anche in virtù dei temi su cui gente luce e su cui sensibilizza i fan.

Arisa chi è: età, altezza, peso

Arisa vittima di bullismo da piccola: quel brutto soprannome
Arisa (fonte foto: Instagram, @ arisamusic)
  • Nome e Cognome: Rosalba Pippa;
  • Nome d’arte: Arisa;
  • Altezza: 1,61 circa;
  • Peso: 53 kg circa;
  • Data di Nascita: 20 agosto 1982;
  • Età: 38 anni;
  • Luogo di Nascita: Genova, Liguria.

La splendida e nota Arisa, cantautrice dall’incredibile successo, nasce a Genova, in Liguria, il 20 agosto del 1982 ed ha dunque, al momento, 38 anni.

L’artista da giovane cresce a pochi chilometri da Potenza, nello specifico a Pignola, il paese d’origine della sua famiglia in Basilicata.

Il suo rapporto con la musica inizia praticamente da subito, poiché già a 4 anni partecipa ad un concorso canore dal nome Fatti mandare dalla mamma, di Gianni Morandi.

L’artista studia tanto e prende spunto dai video postati sul web analizzando il labiale dei cantautori e confrontandone le performance tra gli album registrati e i live.

Ad influenzarla dal punto di vista artistico sono grandi della musica come Mariah Carey e Celine Dion, a cui si ispira imparando anche esercizi di respirazione quali l’uso del diaframma e l’emissione di fiato.

La canante si diploma al liceo pedagogico e si mantiene svolgendo diversi lavori, quali ad esempio cameriera, babysitter, estetista, cantante ai piano bar ed altri ancora.

Attività lavorative che farà sino al momento del suo esordio a Sanremo e quindi dell’incredibile successo che otterrà.

Rispetto alla sua carriera nel mondo della musica, gli inizi risalgono al 1998 con il concorso “Pino d’oro”, da lei vinto, così come fatto al “Premio Cantavallo”.

Anni dopo, nel 2007, arriva anche la vittoria di una borsa di studio al CET di Mogol.

Rosalba Pippa, perché la scelta di questo nome d’arte?

Arisa vittima di bullismo da piccola: quel brutto soprannome
Arisa (fonte foto: Instagram, @ arisamusic)

Rosalba Pippa è il vero nome dell’artista, che però si è fatta conoscere da tutti, raggiugnendo il successo come Arisa, il nome d’arte da lei scelto.

Ma perché questo nome?

Sembra che tale decisione sia inerente al rapporto molto stretto che la cantautrice ha avuto da sempre con la sua famiglia.

Se tale nome viene infatti scomposto, si scopre che è l’acronimo dei nomi di tutti i componenti della sua famiglia.

La ‘A’ infatti deriva dal nome del papà, Antonio; la ‘R’ dal suo, Rosalba; la ‘I’ da Isabella e la ‘S’ da Sabrina, le sue due sorelle, la ‘A’ che conclude il nome quello della sua mamma, Assunta.

La cantante vittima di bullismo da piccola: il motivo di quel brutto soprannome

Una fetta del successo conseguito da Rosalba è dovuto anche alle sue esperienze di vita e al suo sentirsi diversa, su cui si regge la sua carriera.

La voglia di distinguersi, di apparire per ciò che è, sono alcuni tra gli ingredienti alla base dell’apprezzamento dei fan dei suoi confronti.

Non tutti sanno che in passato, quand’era piccola, Arisa è stata vittima di bullismo e ha vissuto alcune fasi della sua vita non molto semplici.

In alcune occasioni ha avuto modo di parlarne lei stessa, come nel caso dell’intervista rilasciata al Corriere della sera, dove ha spiegato che “alle medie non ero certo tra le ragazzine più carine”.

Nella medesima occasione ha anche raccontato che era presa di mira in virtù del fatto che il papà aveva degli animali e che di tanto in tanto portava a pascolare le pecore, nei pressi della località dove l’autobus faceva il proprio tragitto.

Tale situazione portò ad un brutto soprannome affibbiatole, a spiegarlo è lei stessa: “Hanno iniziato a chiamarmi pecora, a dirmi che puzzavo”.

La carriera di Arisa: da Sanremo 2009 a Sanremo 2021, Sincerità, Controvento, Potevi fare di più

La storia di Arisa prende una svolta già nel 2008, quando, insieme a Simona Molinari, vince SanremoLab che le permette il passaggio al 59° Festival di Sanremo. Festival che la cantante vincerà con il brano ‘Sincerità’, canzone che ha raggiunto una popolarità ed una notorietà davvero incredibili.

Parallelamente, Arisa vince anche Il Premio Assomusica Casa Sanremo e il Premio della Critica del Festival della Canzone italiana “Mia Martini”.

Da quel momento, la cantante prende il volo e Rosalba non si ferma più; a colpire la sua voce, l’interpretazione dei testi, ma anche il look che la identifica in quel momento, fatto di grosso occhiali dalla montatura nera e rossetto calcato sulle labbra.

Difficile riassumere per bene in poche righe la sua corposa attività professionale, fatta di sei album in studio, due raccolte, un EP, oltre 30 singoli pubblicati, e circa 29 videoclip.

Per quanto concerne gli album in studio, si ricordano:

  • 2009 – Sincerità
  • 2010 – Malamorenò
  • 2012 – Amami
  • 2014 – Se vedo te
  • 2016 – Guardando il cielo
  • 2019 – Una nuova Rosalba in città

Ma Arisa ha avuto esperienze anche al cinema e come doppiatrice, nonché in televisione.

Diverse sono anche le sue apparizioni a Sanremo, dopo la vittoria ottenuta, nel corso degli anni: si ricordano quella del 2012 con “La notte“; nel 2014 con “Lentamente” e “Controvento“, e nel 2021 con “Potevi fare di più”, (scritta da Gigi D’Alessio).

Giudice a X-Factor

Come detto, la carriera artistica di Arisa tocca anche il mondo della televisione e i diversi programmi a cui prende parte. Tra questi, una parte importante di sicuro è rappresentata da X-Factor, trasmissione a cui partecipa in qualità di giudice.

2011-2012, 2016, questi gli anni in cui Arisa ha avuto modo di dimostrare la sua personalità, la sua simpatia, il suo coraggio, nelle vesti di giudice nel programma che fa della musica e del talento il suo forte.

La rivincita: insegnante a Amici di Maria De Filippi

Arisa vittima di bullismo da piccola: quel brutto soprannome
Arisa (fonte foto: Instagram, @ arisamusic)

Non solo X-Factor, degno di nota è anche la sua partecipazione al programma Amici di Maria De Filippi, in qualità di insegnante. Un’esperienza a cui Arisa tiene tanto, considerato che rappresenta anche una sorta di piccola rivincita per lei.

In passato, infatti, come raccontato a ‘Chi‘, “ci avevo provato da piccola, ma lo dico senza problemi, non ero pronta. Ci ho provato che avrò avuto circa 16 anni. E anche un’altra volta a 17, mi pare”.

Una strada che la cantante ha provato a seguire, che non andò a buon fine, ma ecco che l’artista ci è tornata da adulta e con il successo ottenuto alle spalle. Un ingresso dalla porta principale e in qualità di docente.

Sempre nel segno della sua passione più grande, la musica.

‘Barboncino’ a Il cantante mascherato 2020 con Milly Carlucci

Un’altra delle sue presenze televisive che ha ricevuto il plauso del pubblico è stata quella fatta a Il cantante mascherato, noto programma condotto da Milly Carlucci, nell’edizione 2020.

In questo caso, come nella tradizione della trasmissione, la cantante è apparsa per l’appunto mascherata da ‘Barboncino‘. Grande sorpresa dei fan, una volta caduta la sua maschera.

L’accettazione del suo corpo: dai piccoli ritocchini al body positive

L’accettazione del proprio corpo è uno dei punti importanti che ha attraverso la vita e la carriera della cantante, che in passato non ha mai nascosto di aver avuto delle fragilità e delle difficoltà al riguardo.

La sua crescita personale passa anche da un piacersi ed un accettarsi che l’ha resa ancora più vicino al pubblico, testimone per quanto a distanza del suo processo di comprensione di sé.

Se in passato aveva sorpreso e fatto parlare di sé, legandosi al concetto di “body positive”, mostrandosi al mare con qualche rotolino, una scelta che le ha fatto ricevere complimenti e messaggi di stima da parte di tutti, poiché lontana da canoni stereotipati, anche un messaggio recente è stato molto raccontato.

La cantante ha infatti mostrato alcune foto associate ad una splendida ed intensa riflessione di chi oggi, rispetto al passato, si guarda allo specchio e si piace, pur nelle cosiddette imperfezioni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Arisa (@arisamusic)

Capelli corti per Arisa, dietro la scelta la malattia: cos’è la tricotillomania

Arisa vittima di bullismo da piccola: quel brutto soprannome
Arisa (fonte foto: Instagram, @ arisamusic)

Anche il look ha avuto, come detto, una propria parte nel successo raggiunto da Arisa, con tanti commenti positivi, ma anche qualche critica, circa il suo stile, a cominciare dai capelli molto corti.

Una scelta questa, però, che in realtà è relativa ad una malattia, o per meglio dire ad un disturbo ossessivo-compulsivo che ha come causa solitamente depressione o stress, la tricotillomania.

Si tratta di un disturbo che porta la persona a strappare via i capelli senza rendersene conto, una ragione che l’ha portata a tagliare spesso i capelli molto corti.

La vita privata di Arisa: la relazione con Giuseppe Anastasi

Grande è la curiosità dei fan rispetto alla vita privata di Arisa, ovvero all’aspetto legato alla sua vita sentimentale e all’amore.

Di lei sappiamo che è stata impegnata in un rapporto con il musicista Giuseppe Anastasi, e che successivamente, dopo la rottura, i due sono rimasti in buoni rapporti.

L’amore della cantante con il manager Lorenzo Zambelli

Dopo Anastasi, la cantautrice si è legata al suo manager, Lorenzo Zambelli, dando vita ad un rapporto profondo ed intenso, che stando a quanto noto, sarebbe durato fino al 2017, con alcuni tira e molla.

Sembra che l’artista fosse anche pronta a metter su famiglia, ma le cose tra di loro sono andate diversamente e dunque il desiderio di avere un bambino, espresso a Vanity Fair, non si è realizzato.

Compagno di Arisa: chi è il fidanzato Andrea Di Carlo

Stando alle informazioni note, sembra che Arisa abbia attualmente un fidanzato, e il suo nome è Andrea Di Carlo.

Quest’ultimo, un autore tv nonché manager dell’artista, non è un personaggio su cui si conoscono molte info. Ciò che si sa riguarda la sua professione, ovvero che ha dato il proprio contributo ad alcune trasmissioni come Oggi è un altro giorno o Live – Non è la D’Urso.

Secondo ad alcune voci ed ipotesi ci sarebbe anche una data per le nozze, ma al momento non vi sono molte informazioni certe al riguardo.

Arisa, la cantante su Instagram

Una straordinario successo, quello ottenuto da Arisa nel corso di questi anni e della sua carriera, e prova ne è anche il grande affetto che riceve costantemente da tutti i suoi fan e follower che ‘popolano’ il suo account Instagram.

La cantante ha uno splendido rapporto con il suo pubblico e, sulla piattaforma social, può contare su circa 576 mila follower, al momento.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Arisa (@arisamusic)