Home Cinema Sweeney Todd, Tim Burton cita il maestro Mario Bava

Sweeney Todd, Tim Burton cita il maestro Mario Bava

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:43
CONDIVIDI

Sweeney Todd è uno dei film più recenti di Tim Burton che ha deciso di citare un grandissimo artista come l’italiano Mario Bava padre dell’altrettanto importante Lamberto.

Sweeney Todd
Sweeney Todd

Il film sul diabolico barbiere di Fleet Street andrà in onda a partire dalle 23.15 su Italia 2 il canale numero 66 del digitale terrestre. Il film è del 2007 e vede come protagonisti Johnny Depp e Helena Bonham Carter. Si tratta di un adattamento cinematografico del musical omonimo di Hugh Wheeler e Stephen Sondheim. Questo qui a sua volta è un adattamento del dramma del 1842 di George Dibdin Pitt. Le origini del film dunque sono molto antiche nel tempo. Il film ha vinto due Golden Globe come miglior film e miglior attore. Agli Oscar invece era candidato a diversi premi, ma la vittoria è arrivata solo per la Migliore Scenografia. Oltre ai due citati nel cast ci sono anche Alan Rickman, Sacha Baron Cohen, Timothy Spall, Jamie Campbell Bower e molti altri ancora.

LEGGI ANCHE >>> Pieces of Woman il nuovo grande successo di Netflix

Sweeney Todd, cosa racconta il film?

Cosa racconta Sweeney Todd? È la storia di un barbiere molto particolare che inizia ad uccidere persone con un terribile e alquanto improbabile obiettivo. Le spruzzate di sangue che compaiono nel film ci portano indietro al cinema del maestro dell’orrore Mario Bava. Questi ha regalato all’Italia nuovi generi dopo che Riccardo Freda aveva portato l’horror nel nostro paese con I Vampiri. Sono numerosi i film che Bava ha realizzato e che sono passati alla storia e sicuramente se ne sentono qui le influenze.

LEGGI ANCHE >>> 15 minuti Follia omicida a New York su Rete 4

In più si vede fortemente la mano di Quentin Tarantino che in Kill Bill aveva vissuto un processo molto simile in grado di commuovere e far innamorare il pubblico di tutto il mondo. Sicuramente Tim Burton è uomo intelligente oltre che generoso e nei suoi film la mano si vede anche e soprattutto perché il tutto è molto diverso da qualunque altro artista. Uno dunque di cui si riconosce il tratto.