Home Streaming “Nessuno deve fare il vaccino”, cambia tutto: il cinema mette paura al...

“Nessuno deve fare il vaccino”, cambia tutto: il cinema mette paura al mondo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:05

Oggi è il Vax-Day quello che lancia il vaccino per il Covid-19, ma non si fermano le polemiche legate a questa tipologia di trattamento.

"Nessuno deve fare i vaccini"
Vaccino (Pixabay)

Tra No-Vax e negazionisti ne abbiamo sentite di ogni tipo, ma ora è il momento di cercare di uscire da questa situazione scottante evitando di farsi manipolare da chi vede un complotto dietro ogni cosa. Sono opinioni queste, certo, ma va detto che la scelta migliore si deve affidare a chi ha studiato per questo e a chi sta lavorando per farci uscire da un periodo complicato. Intanto un film, che tratta l’argomento, finisce nel mirino della critica.

Leggi anche —> Luke Perry è morto per un vaccino?

Il film contro il vaccino

1986: The Act
1986: The Act

C’è un film contro i vaccini che ha fatto il giro del web nelle ultime ore. Si tratta di 1986: The Act film prettamente no-vax di Andrew Wakefield. Questo di fatto punta il dito verso Big Pharma con pesanti accuse. Il docufilm torna sulla legge statunitense Ncvia che fu firmata nel 1986 dal presidente Ronald Reagan e sosteneva come i vaccini siano mal controllati e insicuri quindi pericolosi per la salute dei bambini. Nonostante questo all’interno del film si parla di tante cose, ma senza qualsiasi tipo di argomentazione un minimo scientifica che possa comprovare queste tesi.

Leggi anche —> William Shakespeare primo vaccinato

Il sottotitolo del film è abbastanza forte, “Quando Big Pharma ha comprato il mondo”. Una critica pesante al mondo delle case farmaceutiche. Il film si può guardare in streaming al prezzo di certo non commerciale di 13 dollari. Il docufilm è stato prodotto dalla 7th chakra films e dura circa 124 minuti non di certo semplici e leggeri da affrontare. Ovviamente anche il titolo è una citazione che ci porta al famosissimo romanzo 1984 di George Orwell che si prefissa un mondo dispotico dove non esiste più la libertà di pensiero. Quello che viene da pensare a noi è che forse la libertà di pensiero è un’altra cosa e riguarda argomenti di cui siamo a conoscenza senza scavalcare chi fa questo di mestiere e ha studiato per questo.