Home Televisione Gerry Scotti, il dramma che l’ha segnato per sempre: “E’ stato terribile”

Gerry Scotti, il dramma che l’ha segnato per sempre: “E’ stato terribile”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:38
CONDIVIDI

Gerry Scotti ha avuto modo di raccontare un dramma tremendo che purtroppo l’ha colpito nei mesi scorsi: “36 ore di inferno.”

gerry scotti piange
Gerry Scotti piange in diretta

Gerry Scotti ha avuto modo di raccontare qualcosa di davvero drammatico che, come sappiamo, è entrato prepotentemente nella sua vita: stiamo infatti parlando della sua esperienza con il covid, che lo ha anche costretto a stare per circa 13 giorni in ospedale.

In molti si chiedono che cosa fosse successo e la risposta è stata raccontata dallo stesso conduttore ai microfoni di Radio Deejay: ecco le parole del noto conduttore di Canale 5 che ha svelato quelle 36 ore di inferno, come le ha definite lui stesso, che ha vissuto a ridosso della terapia intensiva.

LEGGI ANCHE -> Gabriella Perino compagna Gerry Scotti: dramma sfiorato, paura enorme

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Gerry Scotti (@gerryscotti)

Gerry Scotti, retroscena sul ricovero: “36 ore di inferno”

Gerry Scotti
Gerry Scotti

Qualche tempo fa, infatti, erano uscite voci riguardanti il fatto che il noto volto di Caduta Libera e tanti altri programmi di successo fosse finito in terapia intensiva ma, tramite un comunicato ufficiale, è stata categoricamente smentita questa possibilità.

L’uomo ha infatti svelato di essere stato nell’anticamera della terapia intensiva per circa 36 ore per poi fare 3 giorni in cui i medici hanno avuto modo di fare della sorta di “fisioterapia”, riadeguando il suo corpo a mangiare, bere e camminare oltre a respirare senza l’ausilio di altri strumenti.

LEGGI ANCHE -> Giorgio Pasotti ucciso da un colpo di pistola, tragico epilogo su Canale 5

Insomma, un dramma tremendo per lui che, come sappiamo, ha fatto preoccupare milioni di italiani. Come ha lui stesso confessato, infatti, è stato davvero difficile, in quelle 36 ore in cui era nella “bolla” vedeva però tutto quello che succedeva attorno a lui, avendo le pareti trasparenti. Insomma, non è stato affatto semplice: il dramma è stato tremendo.