Home Cinema Giorgio Panariello, grande vuoto nella sua vita: una mancanza incolmabile

Giorgio Panariello, grande vuoto nella sua vita: una mancanza incolmabile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:09
CONDIVIDI

Giorgio Panariello ha avuto un grande vuoto nella sua vita che non è mai riuscito a superare: una mancanza enorme, il dramma dell’attore.

giorgio panariello

Giorgio Panariello ha vissuto un grande vuoto incolmabile nella sua vita ed ha avuto modo di parlarne durante Le Iene in cui ha avuto modo di fare la classica intervista del programma per presentare il suo ultimo libro “Io sono mio fratello” dedicato al fratello del noto comico che purtroppo dieci anni fa è morto.

La sua vita, così come quella del famosissimo comico toscano, non è stata affatto facile dal momento che, purtroppo, ha avuto parecchi problemi: era infatti dipendente dall’eroina.

I due, però, hanno vissuto con un vero e proprio vuoto incolmabile nella loro vita: la mancanza del padre che purtroppo non hanno mai conosciuto.

LEGGI ANCHE -> Giorgio Panariello, il ricordo è una tragedia: “Non l’ho conosciuto”

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da GIORGIO PANARIELLO (@giorgiopanarielloreal)

Giorgio Panariello: “Non ho mai conosciuto mio padre”

Giorgio Panariello

Giorgio Panariello ha infatti ricordato anche questa sua infanzia davvero molto difficile: come ha avuto modo di raccontare, infatti, il noto comico toscano è cresciuto grazie ai suoi nonni che hanno cercato, per quanto possibile, di colmare quel vuoto a dir poco incolmabile della sua vita.

Ciò nonostante, però, la mancanza di un padre non gli ha impedito di avere un successo enorme che è assolutamente meritato.

LEGGI ANCHE -> Giorgio Panariello, quella morte gli ha cambiato la vita per sempre

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da GIORGIO PANARIELLO (@giorgiopanarielloreal)

Certo, non è stato facile dal momento che, come ha avuto modo di confessare, gli è stata proposta, come al fratello, di prendere dell’eroina ma ha sempre rifiutato dal momento che, oltre alla droga in sé, era davvero molto spaventato dall’ambiente in cui questa sostanza veniva iniettata in vena. Insomma, alla fine tutto è bene quel che finisce bene.