Home Musica Tiziano Ferro, l’appello disperato: “Non mi do’ pace”

Tiziano Ferro, l’appello disperato: “Non mi do’ pace”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:57
CONDIVIDI

Tiziano Ferro non si da’ pace ed ancora una volta vuole lanciare un appello disperato per una giusta causa: di cosa si tratta?

Tiziano Ferro
Tiziano Ferro

Tiziano Ferro si è schierato contro la violenza sugli animali postando un video in collaborazione con l’associazione “Lega del cane” per diffondere il suo messaggio.

Il cantante ha da sempre manifestato il suo grandissimo amore per gli animali e in particolare per i cani, che anche in questo specifico video definisce l’amico più fedele dell’uomo.

Lui e suo marito, l’ex consulente della Warner Bros Victor Allen, avevano un cane, o meglio, una cagnolina di nome Beau a cui erano affezionatissimi e a cui hanno purtroppo dovuto dire addio tre mesi fa.

Il 27 agosto di quest’anno ha infatti postato una foto della cagnolina sul bancone del veterinario, spiegando nella descrizione che purtroppo l’emorragia interna che ha avuto durante l’operazione non le aveva lasciato molto tempo da vivere.

La coppia ha dimostrato ancora una volta il proprio amore per questo animale, adottando in canile(così come era stato per Beau) un altro cane già adulto, 3 giorni dopo l’addio alla cagnolina, che ha preso il nome di Jake.

LEGGI ANCHE -> Tiziano Ferro, sogno infranto: non potrò farlo per colpa del lockdown

Tiziano Ferro contro la violenza sugli animali: “Non posso accettarlo”

tiziano ferro
Tiziano Ferro (YouTube)

Per questi motivi non ci ha sorpreso che sia proprio lui a fare questa collaborazione con la Lega del cane e a pronunciare queste forti parole di denuncia e di supplica.

La denuncia non è stata diretta unicamente alle persone che ogni giorno usano violenze o abbandonano poveri animali indifesi, ma anche alla legislazione italiana, non sufficientemente pronta a contrastare questi atteggiamenti inaccettabili.

LEGGI ANCHE -> Tiziano Ferro, ci mette la faccia: la risposta a Giorgia Meloni

Nonostante sia chiara l’associazione di cui parla, nella descrizione del post ha taggato molte altre organizzazioni come questa, facendo capire ai suoi followers la pregnanza di un’azione e una mobilitazione da parte di ciascuno di noi.

Questo tipo di organizzazione, attraverso l’aiuto di tanti volontari e alle donazioni generose degli esterni, ogni anno salvano centinaia di animali da condizioni pericolose o precarie.

In particolare quella con cui ha collaborato l’artista interviene sul territorio soccorrendo ogni anno oltre 30.000 animali di ogni specie e accudendo circa 50.000 vittime di soprusi.