Home Cinema Vittorio De Sica, papà Christian De Sica: una gioia o un problema?

Vittorio De Sica, papà Christian De Sica: una gioia o un problema?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:15
CONDIVIDI

Vittorio De Sica è stato il papà di Christian De Sica. Quest’ultimo sarà protagonista nella giornata di oggi della puntata di Domenica In in onda su Rai 1 subito dopo pranzo e condotto da Mara Venier.

Vittorio De Sica, papà Christian De Sica
Vittorio De Sica, papà Christian De Sica

Vittorio è stato una gioia o un problema per suo figlio? Impossibile parlare di problema, anche perché i due hanno sempre avuto un rapporto straordinario, ma di certo per l’attore non è stato facile affrontare un peso così importante come quello di portare il suo nome. Vittorio De Sica è stato uno dei più grandi artisti della storia del nostro paese, Christian invece ha deciso di prendere la strada della comicità per non legarsi a un duello che gli avrebbe fatto sentire il peso del confronto. Nonostante questo ha fatto una grande carriera, anche se per la critica molto inferiore a quello che avrebbe potuto fare.

Leggi anche —> La polemica di Christian

Vittorio De Sica, papà Christian: la sua carriera

Christian De Sica Domenica In
Christian De Sica a Domenica In

Vittorio De Sica, papà di Christian, è nato a Sora il 7 luglio del 1901 ed è morto a Neuilly sur Seine il 13 novembre del 1974. La sua carriera inizia quando nel 1917 recita da giovanissimo nel film Il Processo Clemenceau di Alfredo De Antoni. Il grande successo arriva però nel 1932 quando per Mario Camerini interpreta un grande ruolo in Gli uomini, che mascalzoni. In carriera ha lavorato come attore per grandi registi come Mario Mattoli, Camillo Mastrocinque, Max Ophuls, Dino Risi, Luciano Emmer, Mario Monicelli, Alessandro Blasetti, Antonio Pietrangeli, Steno e molti altri ancora.

In carriera ha avuto anche la gioia di passare dietro la macchina da presa, diventando uno dei registi più importanti della storia del cinema. Il debutto è arrivato nel 1939 con Rose Scarlatte, ma il successo arriva l’anno dopo con Maddalena Zero in Condotta. In carriera ha diretto tanti film importanti come I bambini ci guardano, Sciuscià, Ladri di biciclette, Miracolo a Milano e Umberto D solo per citarne alcuni.