Home Cinema Catherine Zeta Jones soffriva di un disturbo gravissimo: il suo dramma

Catherine Zeta Jones soffriva di un disturbo gravissimo: il suo dramma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:15
CONDIVIDI

Catherine Zeta Jones ha sofferto di una bruttissima malattia, un vero e proprio disturbo di cui nessuno era a conoscenza: il dramma dell’attrice.

catherine zeta jones
Catherine Zeta Jones

Catherine Zeta Jones è conosciuta per essere una bravissima attrice, una delle migliori e più apprezzate al mondo i cui film hanno fatto la storia del cinema di oggi. Dietro a questo volto, però, si nasconde un grande segreto che in pochi conoscono: circa dieci anni fa, infatti, la famosissima attrice americana ha dovuto fare i conti con un bruttissimo disturbo, una vera e propria malattia con cui ha dovuto fare i conti per parecchio tempo.

Oggi per fortuna ne è uscita, anche se a fatica: la sua forza è stata quella di non smettere sostanzialmente mai di lavorare ma allo stesso tempo, però, ha rallentato parecchio la sua carriera la quale, comunque, era già a livelli altissimi. Ecco di che cosa si tratta e qual è stata la causa scatenante di tutto questo.

TI POTREBBE INTERESSARE: La rinascita di Catherine Zeta Jones

Catherine Zeta Jones, un disturbo drammatico

Catherine Zeta Jones
Catherine Zeta Jones

Catherine Zeta Jones dal 2010, in concomitanza con il tumore alla gola che purtroppo è stato diagnosticato al marito Michael Douglas, ha iniziato a soffrire di disturbi maniaco-depressivi che le hanno letteralmente corroso l’animo e soprattutto la mente.

TI POTREBBE INTERESSARE: Alessandra Mastronardi, quarantena in dolce compagnia: con chi è?

Questo problema, davvero molto grave e molto più comune di quanto si possa pensare, ha purtroppo fatto parte di lei per alcuni anni fino a quando ha deciso di chiedere aiuto e supporto di un professionista che l’ha accompagnata nel lungo percorso verso la guarigione.

Una sorta di “purificazione” per lei che oggi può definirsi guarita anche se, come sappiamo, da queste patologie non se ne esce mai del tutto anche se si può imparare necessariamente a convivere.