Home Televisione ‘Le Iene’, un inviato positivo al Coronavirus: le sue condizioni

‘Le Iene’, un inviato positivo al Coronavirus: le sue condizioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:35
CONDIVIDI

Positivo al Coronavirus un inviato de ‘Le Iene’. Ma quali sono le sue condizioni di salute? Ecco le ultime novità sulla situazione.

le iene

Il Coronavirus ha colpito anche la trasmissione ‘Le Iene’. Infatti è risultato positivo al Covid-19 Alessandro Politi. Dopo quasi trenta giorni l’inviato del programma Mediaset è ancora positivo, ma i sintomi sono comunque scomparsi dopo qualche giorno. “Ho avuto febbre e tosse per pochi giorni,ma poi mi sono sentito bene. Dopo un mese però il mio tampone è ancora pienamente positivo“, ha detto lui stesso n un video pubblicato sul sito del programma Mediaset.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, Le Iene non vanno in onda: cosa succede?

Coronavirus, inviato de ‘Le Iene’ positivo: ecco come sta

Le Iene sospeso Coronavirus
Le Iene sospeso, causa Coronavirus

La trasmissione è comunque ferma da un mese, più precisamente subito dopo il contagio di Politi. La rimessa in onda è prevista il 23 aprile. Nel video la Iena si è comunque chiesto, sulla base della sua esperienza, se siano davvero sufficienti quindici giorni di isolamento dalla fine dei sintomi per potersi dichiarare perfettamente guariti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, Mara Venier terrorizzata: “Ho paura”

Ormai è quasi un mese che sono senza sintomi, ma l’esito è sempre lo stesso, ossia tampone pienamente positivo. Ho chiesto ai medici se fosse normale e questi hanno ipotizzato che potrei aver preso una carica virale più aggressiva rispetto al solito. Il mio corpo fortunatamente sta gestendo bene questa situazione negativa, ma ci vuole più tempo per debellarla“, ha ribadito.  Ed è quindi sulla base di questo che si pone dei dubbi e delle domande, a cui però non riesce a trovare risposte: “Perché le istituzioni permettono a persone che hanno avuto i miei stessi sintomi di uscire di casa dopo 15 giorni senza aver ricevuto un tampone? Quante persone potrebbero essere a lavorare con il rischio di diffondere il virus?”.