Home Televisione Live non è la D’Urso ricorda Taricone: Plevani esce e parla sui...

Live non è la D’Urso ricorda Taricone: Plevani esce e parla sui social

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:55
CONDIVIDI

Live non è la D’Urso ricorda Pietro Taricone in un video. Cristina Plevani esce dallo studio e poi si sfoga sui social: ecco le sue parole

Cristina Plevani
Cristina Plevani (Instagram)

Barbara D’Urso durante l’ultima puntata di Live ricorda Pietro Taricone, uno dei concorrenti più amati di sempre del Grande Fratello, prematuramente scomparso in un incidente mentre praticava lo sport che più amava: il paracadutismo.

Un video che racchiudeva le sue immagini più belle, dentro e fuori la casa, ha toccato profondamente la sensibilità del pubblico ma anche quello di Cristina Plevani, la concorrente con cui ebbe una storia all’interno della casa nel corso della prima e storica edizione del Grande Fratello, di ben vent’anni fa. La messa in onda del video ha destabilizzato profondamente la Plevani, che ha deciso di defilarsi dallo studio prima della fine della trasmissione senza farvi più ritorno.

Leggi anche: Grande Fratello Vip: guerra aperta tra Fernanda Lessa e Antonella Elia

Successivamente l’ex gieffina ha pubblicato un post su Instagram in cui ha toccato vari argomenti. Innanzitutto ha preso le difese di Salvo Veneziano: “Lo difendo dall’etichetta di mostro o orco, come è stato definito in un articolo”, poi prosegue: “Salvo parla così. Lo faceva 20 anni fa e lo fa tutt’ora. Lo so io e chi lo conosce da allora. Hanno scelto lui (e gli altri) come rappresentanza delle vecchie edizioni? Spero di no. Io non mi sento rappresentata”.

Leggi anche: Cristina Plevini stoccata al Grande Fratello: “Gli autori ti controllavano”

Quindi la Plevani torna sulla questione Taricone e spiega il perché della sua uscita dallo studio prima della fine del programma: “P.s. perché sono uscita ieri sera durante i video finali di commemorazione? Perché non me li aspettavo, perché commuovermi lo trovavo fuori luogo, fuori tempo e irrispettoso nei confronti di chi ha più diritto di me di piangerlo.”