Home Televisione Grande Fratello Vip: guerra aperta tra Fernanda Lessa e Antonella Elia

Grande Fratello Vip: guerra aperta tra Fernanda Lessa e Antonella Elia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:26
CONDIVIDI

Che la pace non sia con voi, è guerra aperta al Grande Fratello Vip tra Fernanda Lessa e Antonella Elia. Ecco cosa è successo

Fernanda Lessa
Fernanda Lessa (Facebook)

Tripudio di trash al Grande Fratello Vip, dove non si arresta l’ondata della violenza verbale. E’ guerra aperta tra Antonella Elia e Fernanda Lessa che confessa: “Le metterei le mani addosso”, la Elia non cede alle provocazioni della collega con la quale i rapporti sin dall’inizio sono stati tesissimi.

Dopo l’episodio che ha visto coinvolti Salvo, Patrick, Pasquale e Sergio e che è costato l’espulsione a Salvo (che per la vicenda è stato pure attapirato da Valerio Staffelli di Striscia la notizia), con tanto di lavata di capo da parte di Alfonso Signorini agli altri tre concorrenti, adesso l’attenzione si sposta proprio su Antonella Elia e Fernanda Lessa.

LEGGI ANCHE: Fernanda Lessa sull’alcolismo: “Ecco perchè ho iniziato a bere”

La Lessa ha detto ad Antonella Elia che è una persona sola e che fuori dalla Casa non troverà nessuno ad aspettarla. Nel corso della settimana le due hanno fatto delle dichiarazioni al vetriolo l’una contro l’altra: “Questa finisce malissimo”, le parole di Antonella, mentre Fernanda dichiara: “Ti stendo come l’asfalto”.

Nel corso della puntata i toni non si sono placati, tutt’altro, ecco le parole della Elia: “Tu sei un mostro. Sei una strega travestita da donna. La solitudine è allo stesso livello della tua tragedia esistenziale, che da tredici anni svieni perché sei ubriaca”.

LEGGI ANCHE: Pupo al Gf Vip: “So cosa vuol dire gestire due donne insieme”

Signorini ha poi invitato le due ad abbracciarsi, ma chiaramente questo abbraccio non è avvenuto e una volta chiuso il collegamento con Signorini, Antonella ad Adriana ha detto: “A me non piace, non ci posso far niente. Ci devono essere delle scuse, non basta che lei racconti la sua tragedia. Io posso commuovermi, ma ce ne sono altre di tragedie massime”.