Home Televisione Loretta Goggi: “La rivalità con Raffaella Carrà? Solo fuffa”

Loretta Goggi: “La rivalità con Raffaella Carrà? Solo fuffa”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:13
CONDIVIDI

Loretta Goggi tra i tanti meriti e vanti della sua carriera ha anche l’essere stata la prima donna a condurre come presentatrice principale (non come valletta) il Festival di Sanremo, nel 1986.

loretta goggi

Stasera Loretta Goggi si racconterà a tu per tu a Raffaella Carrà, nella seconda puntata di A raccontare comincia tu. Il programma è molto amato dal pubblico e anche nella precedente stagione ha dato grandi soddisfazioni in termini di share. La prima stagione ha visto ospiti davvero illustri: Fiorello, Sophia Loren, Riccardo Muti, Maria De Filippi, Leonarddo Bonucci, Paolo Sorrentino. In questa seonda stagione l’esordio è stato segnato dall’intervista a Renato Zero. Dopo quella di stasera a Loretta Goggi (in prima serata su Rai 3) sarà la volta di Luciana Littizzetto e Vittorio Sgarbi.

Leggi anche –> Gianni Brezza marito Loretta Goggi, com’è morto? Un destino crudele…

Loretta Goggi e Raffaella Carrà

Attrice, imitatrice, cantante, conduttrice: una splendida carriera quella di Loretta Goggi, anche molto longeva e che ha visto l’affetto del pubblico mai diminuire nel tempo. I suoi fan le sono stati molto vicini, di supporto anche nel momento forse per lei più difficile: la morte dell’amatissimo marito Gianni Brezza.

Sicuramente ci sarà modo di parlare anche di lui questa sera a A raccontare comincia tu, dove troveremo una di fronte all’altra due donne importantissime nel nostro panorama artistico, vere e proprie icone di talento e bellezza. Si tratta di Raffaella Carrà e Loretta Goggi, che sarà intervistata dalla padrona di casa del programma.

Spesso si è detto che tra le due non corresse proprio buon sangue, ma a detta della Goggi questa è solo una diceria infondata e senza alcuna verità di base. Intervista da Rolling Stone, ha una volta per tutte chiarito: ““Solo fuffa. Siamo due persone caratterialmente e artisticamente molto diverse, ma anche molto simili in alcune cose. Miti come Baudo, Bongiorno, Corrado e Carrà sono riusciti ad arrivare al pubblico con una forza totalmente diversa dalla mia. Ma quando dico che sono seconda, non parlo di bravura o professionalità. Sono seconda rispetto alle icone televisive costruite negli anni ’70”.