Home News Franco Oppini, chi è? Figlio, Parietti, Età, moglie, Gatti di Vicolo Miracoli

Franco Oppini, chi è? Figlio, Parietti, Età, moglie, Gatti di Vicolo Miracoli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:57

Franco Oppini è un attore e comico di fine talento, oggi si riunirà a I Gatti di Vicolo MiracoliDomenica In. Ecco qualche curiosità sull’ex marito di Alba Parietti.

Franco Oppini

Franco Oppini è l’ex marito di Alba Parietti e proprio con la donna è sorta una polemica nelle settimane scorse per via di una recente intervista dell’attore che avrebbe messe in cattiva luce la madre del figlio Francesco.

Franco Oppini chi è?

Franco Oppini non è solo un attore e comico di fine talento ma un famoso cabarettista italiano, nato a Quistelo in provincia di Mantova il 5 febbraio 1950.

Dal 2003 è sposato con Ada Alberti, la famosa astrologa spesso presente nei programmi di Barbara D’Urso.

Conclusi gli studi al Liceo Classico, Oppini forma insieme a Umberto Smaila, Jerry Calà, Gianandrea Gazzola, Nini Salerno e Spay Mallaby I Gatti di Vicolo Miracoli.

Il gruppo di cabaret rimarrà insieme fino al 1985, oggi si ritroveranno in parte a Domenica In.

Oggi Franco ha 69 anni e continua a stare sulla cresta dell’onda.

I Gatti di Vicolo Miracoli

Oppini conosce Umberto Smaila al Liceo e i due oltre che a dividere la classe erano anche compagni di banco “Io, così magrolino, ero l’unico che poteva stargli accanto”, nella loro classe arrivò poi anche Nini Salerno dopo essere stato bocciato.

I tre frequentavano il Liceo Classico di Verona, prestigioso e frequentanto da fili di avvocati, ingegneri e industriali e racconta Franco “Il preside formò una sezione con tutti gli ‘scarti’, ma c’erano cervelli di prima qualità”.

Era il 1968 e racconta Oppini “Il primo sciopero lo proclamammo io e Umberto perché in aula faceva freddo”.

La sera andavano tutti in Piazza Dante a suonare e a cantare e per caso passò davanti loro Dore Modesti che li ingaggiò per una campagna sulla sicurezza stradale, in cinque partirono per Roma ma dello spot non si fece più nulla.

Poi l’incontro con un agente “Voi dovete andare a Milano, ci disse e ci portò a casa di Cino Tortorella”.