Home Aprofondimenti “Saremo giovani e bellissimi”: cinque immagini

“Saremo giovani e bellissimi”: cinque immagini

CONDIVIDI

Attualmente in lavorazione, Saremo giovani e bellissimi è il lungometraggio d’esordio di Letizia Lamartire. Il film, scritto dalla stessa Lamartire insieme a Marco Borromei e Anna Zagaglia, è prodotto da CSC Production con Rai Cinema, con il sostegno della Regione Emilia Romagna (buona parte delle riprese si svolgeranno a Ferrara). Letizia Lamartire si è diplomata in Regia presso il Centro Sperimentale di Cinematografia nel 2017. Il suo corto di diploma Piccole italiane è stato presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, nell’ambito della Settimana della Critica.

I protagonisti di Saremo giovani e bellissimi sono Barbora Bobulova e Alessandro Piavani; nel cast ci sono anche Massimiliano Gallo, Federica Sabatini, Elisabetta De Vito e Ciro Scalera. Il film racconta una storia che incrocia generazioni sì diverse ma legate dallo stesso filo conduttore: la musica, al tempo stesso elemento di separazione ed unione per la natura e la forza che possiede. La musica diventa così il medium attraverso il quale le anime dei protagonisti entrano davvero in comunicazione. La storia del film nasce grazie alla musica e si consuma attraverso le canzoni. L’autore dei brani originali, Matteo Buzzanca, è compositore e produttore musicale per il Gruppo Sugar, partner di CSC Production in questo progetto.

La CSC Production è la società del Centro Sperimentale di Cinematografia che produce i lavori di allievi ed ex allievi sostenendoli in particolar modo nella realizzazione dell’opera prima. Tra i film prodotti: La ragazza del mondo di Marco Danieli con Sara Serraiocco e Michele Riondino, Mozzarella Stories di Edoardo De Angelis con Luisa Ranieri, Massimiliano Gallo e Luca Zingaretti, Dieci inverni di Valerio Mieli con Michele Riondino e Isabella Ragonese, Il terzo tempo di Enrico M. Artale con Lorenzo Richelmy, Margherita Laterza e Stefania Rocca, Leoni di Piero Parolin con Neri Marcorè e Piera Degli Esposti.

Ecco a voi cinque immagini.