Home Cinema “Capitan Harlock – L’Arcadia della mia giovinezza” in steelbook edition

“Capitan Harlock – L’Arcadia della mia giovinezza” in steelbook edition

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:30

capitan harlock l'arcadia della mia giovinezza

Grazie ad un’uscita evento voluta da Yamato S.r.l. e Koch Media, a metà ottobre 2014 è stato possibile gustare sul grande schermo “Capitan Harlock – L’Arcadia della mia giovinezza” di Tomoharu Katsumata (storico regista della Toei Animation), ovvero il lungometraggio d’animazione che, datato 1982, fa un po’ da prequel alle avventure raccontate quattro anni prima all’interno della storica serie a cartoni animati, derivata dal manga di fantascienza scritto e illustrato da Leiji Matsumoto nel 1976.
Una scintillante edizione completamente restaurata che, sempre per merito dell’accordo siglato dalle due label, approda anche nel mercato dell’home video tramite una speciale steelbook edition dispensatrice di un blu-ray e due dvd, oltre che di note interne a cura di Francesco Prandoni e riguardanti le tre generazioni di Harlock, il misterioso pirata dello spazio.
Blu-ray presentante il film nel formato video 1.77:1 e corredato di art gallery, titolazioni originali delle sequenze senza post-produzione e trailer italiani cinematografico (novanta secondi) e televisivo (trenta secondi); come pure il primo dvd, che aggiunge anche il primo trailer italiano della versione home video e quello della serie “Capitan Harlock SSX: Rotta verso l’infinito”.
Il secondo, invece, offre esclusivamente il formato originale 4:3 full frame delle oltre due ore di lotta galattica per la libertà animate da Kazuo Komatsubara e che mostrano il protagonista determinato a fare giustizia sul proprio pianeta, ormai occupato in quanto la guerra contro gli Illumidiani – che stanno invadendo e devastando tutti i mondi esistenti – è perduta.
Protagonista vagante, come di consueto, a bordo del suo possente incrociatore di battaglie Arcadia, costruito dal geniale Tochiro e che, tra città distrutte e governanti corrotti che non hanno esitato a vendersi agli invasori, incrocia anche il pericoloso agglomerato delle stelle conosciuto come Strega dello spazio e ricordante nel nome la Strega nera, ovvero la montagna maledetta che segnò il triste destino dell’esploratore e pilota d’aerei Phantom F Harlock.
E sono la piratessa spaziale Emeraldas, Maya, “voce” della resistenza, e Zoll, soldato di Tokarga deciso a vendicare il suo popolo, ad affiancarlo in una vicenda dal sapore epico che, con probabili influenze provenienti da “Guerre stellari” di George Lucas, individua un ulteriore punto di forza nell’efficace commento sonoro a firma di Toshiyuki Kimori.
Vicenda dal sapore epico che, tempestata di morti e fortemente caratterizzata da toni da dramma apocalittico, sembra voler suggerire che la verità assoluta è immersa nell’universo.
Un universo che fa da sfondo all’abbondanza di fuoco e fiamme, al servizio di un’operazione ricca d’azione e, di conseguenza, scandita da un buon ritmo narrativo.

Francesco Lomuscio